I.C. Parco della Vittoria

Attività ›Eventi

Incontri, manifestazioni, convegni…

Seminari ed incontri, convegni, progetti… best practices per un maggior coinvolgimento dei bambini sia dal punto di vista della didattica laboratoriale che della costruzione della lezione, per favorire la curiosità e l’interazione sviluppando l'interesse e la partecipazione.

docenti partecipano ad un convegno

2012-2013

Innovation in Science Education Turning Kids on to Science

4 maggio 2013

i docenti in un padiglione della scuola

Come passare da un insegnamento delle scienze che offre risposte
a uno che stimola domande?

Risultati italiani del Progetto Europeo "kidsINNscience"

Il Convegno, che si è tenuto presso la Scuola primaria "Leopardi" e ha visto la partecipazione di Luigi Berlinguer, ha registrato un grande successo per spessore culturale, interesse delle proposte didattiche, esperienze di laboratorio.

L'affluenza di pubblico (oltre 100 docenti in rappresentanza di tutti gli ordini di scuola), la partecipazione interattiva e la suggestiva cornice del Parco in una luminosa giornata di primavera hanno contribuito alla riuscita della manifestazione.

Gallerie fotografiche

2012-2013

Progetto Europeo "kidsINNscience"

21 febbraio 2013

Giovedì 21 febbraio si è svolto presso il CIDI (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti) in piazza Sonnino un incontro di presentazione delle sperimentazioni condotte in alcune scuole di Roma sulla trasferibilità e la realizzazione di best practices nel campo della didattica delle scienze, proposte da sette paesi europei e dal Brasile e adattate alla realtà della scuola italiana.

Le insegnanti della Leopardi all'incontro presso il CIDI

Il progetto "kidsINNscience", curato per l'Università di RomaTre da Michela Mayer ed Eugenio Torracca, ha visto coinvolte le insegnanti dell'area scientifica della scuola primaria Leopardi.

Nell'incontro presso il CIDI le insegnanti della Leopardi hanno presentato l'esperienza condotta a partire dalla fiamma della candela "Che cosa brucia?".

È seguita una discussione sui risultati dell'esperienza italiana che ha posto l'accento in particolare sulle differenze di genere nell'approccio alle scienze attraverso una didattica laboratoriale e sullo spazio che si apre per i bambini/ragazzi "silenziosi", i più deboli o emotivamente insicuri, con la metodologia dell'apprendimento basato sulla formulazione di domande da parte degli allievi (Inquiry Based Learning).

Galleria fotografica | Articolo su Education 2.0

2012-2013

L'identità di un incontro

20 ottobre 2012

Scuola, operatori, famiglie: esempi di buone prassi di inclusione scolastica

Nelle scuole, l'inclusione degli alunni disabili si costruisce giorno dopo giorno con impegno e fatica, con soddisfazioni e responsabilità.

Spesso il lavoro degli insegnanti e degli operatori per l'integrazione scolastica non è documentato in modo replicabile e sopravvive solo nella memoria dei protagonisti.
A pochi chilometri altri come noi vivono quotidianamente le nostre stesse criticità nello sforzo di trovare soluzioni ideali.

(Buone prassi di integrazione scolastica, A. Canevaro, D. Ianes)

Migliorare la qualità dell'inclusione scolastica è possibile: tutte le "buone" esperienze potrebbero incontrarsi e tracciare percorsi di azioni inclusive efficaci e ripetibili.

Locandina | Programma