TFA - Sede Tirocinio Accreditata

Responsabile delle Attività di Tirocinio

Prof.ssa Valentina Della Volpe
email: valentina.dellavolpe@uniroma4.it
cellulare: 347 7549691


TFA

Tirocinio Formativo Attivo 2015/2016
Classe di Concorso Nº Docenti Tutor Posti Disponibili Tirocinio Posti Residui Tirocinio
A043 2 5 5
A032 1 2 2
A030 1 3 3
Sostegno Scuola secondaria di primo grado
Classe di Concorso Nº Docenti Tutor Posti Disponibili Tirocinio Posti Residui Tirocinio
AD00 1 5 5
Sostegno Scuola primaria
Area Disciplinare Nº Docenti Tutor Posti Disponibili Tirocinio Posti Residui Tirocinio
Scuola primaria 1 2 2

Aggiornato il 24 giugno 2015


Docenti Tutor e Curriculum Vitae

Docenti Tutor e Curriculum Vitae
Classe di Concorso Docenti Tutor Curriculum Vitae
A043 Valentina Della Volpe
Daniela Di Donato
CV(pdf)
CV(pdf)
A032 Nicoletta Castracane CV(pdf)
A030 Nicoletta Bigioni CV(pdf)
Sostegno Scuola secondaria di primo grado
Classe di Concorso Docenti Tutor Curriculum Vitae
AD00 Valentina Della Volpe CV(pdf)
Sostegno Scuola primaria
Area Disciplinare Docenti Tutor Curriculum Vitae
Scuola primaria Mara Gallaccio CV(pdf)

Aspetti logistici

Indice


Piano di realizzazione e di svolgimento delle attività di tirocinio

Finalità

Sulla base delle convenzioni stipulate ai sensi dell’art. 13 del DM 249/2010 tra l’Istituzione scolastica e le Università per la realizzazione di Tirocini Formativi finalizzati al conseguimento del titolo di Abilitazione per le classi di concorso A043 – A030 – A032 e di Specializzazione per il Sostegno, si individuano i seguenti criteri generali:

  • favorire l’integrazione tra le conoscenze teoriche in via di acquisizione nel corso di studi e la pratica professionale;
  • creare uno spazio ideale di accoglienza e di valorizzazione delle differenze individuali, di costruzione del senso di comunità, di appartenenza e di apertura al confronto costruttivo;
  • promuovere occasioni di conoscenza diretta del contesto scolastico come ambiente educativo, formativo, relazionale ed istituzionale;
  • incoraggiare il confronto tra la professionalità e la ricerca didattica del mondo universitario e costituisce uno stimolo per riflettere sul proprio agire quotidiano;
  • favorire i processi di apprendimento basati sull’esperienza;
  • sostenere l’interazione con diversi stili di insegnamento e valorizzare le relazioni affettive;
  • offrire l’opportunità di un confronto continuo e di crescita professionale attraverso processi di riflessione critica e rielaborazione dell’esperienza svolta;
  • promuovere un agire riflessivo sui metodi di insegnamento/apprendimento e l’attivazione di processi di cambiamento/innovazione in campo educativo che contribuiscano efficacemente alla formazione qualificata dell’insegnante professionista;
  • responsabilizzare i tirocinanti nella progettazione del tirocinio;
  • favorire il coinvolgimento dello specializzando nelle attività connesse al funzionamento della istituzione scolastica;
  • favorire la cooperazione fra specializzando ed operatori nell’ambiente scolastico;
  • favorire la creatività personale.
Soggetti coinvolti e attività
  • Consiglio di Facoltà che, di concerto con le istituzioni scolastiche, progetta il percorso di tirocinio.
  • Ufficio Scolastico Regionale che ha compiti di gestione organizzativa, controllo, elaborazione dei dati, coordinamento, gestione dei dati.
  • Dirigente Scolastico che ottiene l’inserimento della scuola nell’elenco regionale, designa i Tutor dei Tirocinanti, firma la convenzione e segue l’attività di tirocinio, può far parte del Consiglio di Tirocinio su designazione dell’USR.
  • Staff dirigenziale: partecipa alla stesura del progetto.
  • Tutor Coordinatore (vedi Patto formativo).
  • Tutor dei Tirocinanti (vedi Patto formativo).
  • Docenti coinvolti: di classe e/o della scuola aderenti a progetti trasversali.
  • Tirocinante: soggetto principale dell’azione formativa, acquisisce le competenze professionali (vedi Patto formativo).
Patto formativo

Il Tutor dei tirocinanti (docente individuato dal DS sulla base della disponibilità, del curriculum e dell’incarico di insegnamento, art.2 del D.M. dell’8 novembre 2011) è il docente che organizza la presenza del tirocinante a scuola, a cui vengono affidati i seguenti compiti:

  • orientare gli studenti rispetto agli assetti organizzativi e didattici della scuola e alle diverse attività e pratiche in classe;
  • accompagnare e monitorare l’inserimento in classe e la gestione diretta dei processi di insegnamento degli studenti tirocinanti;
  • discutere e condividere possibili applicazioni in classe;
  • essere un facilitatore dell’apprendimento fornendo supporto attraverso risorse, conoscenze teoriche, esperienze idonee;
  • svolgere un’azione di guida, di sostegno e di orientamento portandolo all’atteggiamento riflessivo;
  • valutare e stimolare l’autovalutazione del Tirocinante per orientarlo verso una didattica innovativa;
  • portare a conoscenza del Tirocinante il codice deontologico dell’insegnante;
  • attestare la presenza del tirocinante;
  • inviare una relazione al tutor coordinatore al termine dell’attività.

Il Tirocinante concorda i contenuti del modulo di tirocinio con il tutor del tirocinante e con il tutor coordinatore con i quali valuta l’esperienza.

In particolare s’impegna a:

  • riflettere sull’esperienza e la collega ai modelli teorici;
  • utilizzare gli strumenti predisposti dall’Università e dalle scuole per documentare il lavoro svolto (diari, griglie) e riflettendo sull’efficacia del proprio operato;
  • rielaborare l’esperienza nel gruppo;
  • elaborare il proprio progetto di tirocinio e rivederlo alla luce dell’esperienza;
  • stendere relazioni sul lavoro svolto;
  • osservare la scuola nella sua globalità;
  • sperimentare l’attività in classe;
  • relazionarsi con il contesto (alunni, docenti, organi collegiali, istituzioni).

Il tirocinante è tenuto a:

  • seguire le indicazioni del tutor e fare riferimento a quest’ultimo per qualsiasi esigenza di tipo organizzativo od altre evenienze;
  • inserirsi nel contesto scolastico rispettando gli obblighi di riservatezza circa i processi produttivi, prodotti o altre notizie relative al soggetto ospitante di cui venga a conoscenza sia durante che dopo lo svolgimento del tirocinio;
  • rispettare i regolamenti della scuola e le norme in materia di igiene e sicurezza;
  • seguire le indicazioni del Tutor e degli Insegnanti Ospitanti e fare riferimento ad essi per qualsiasi esigenza di tipo organizzativo o ad altre evenienze;
  • essere responsabile del proprio percorso formativo assumendo un atteggiamento propositivo.

Tutor Coordinatore (docente selezionato dall’Università, organizza, amministra e gestisce i rapporti fra Università, Scuola e USR, art.11 del D.M. n.249/2010) è l’insegnante responsabile del tirocinio indiretto cui vengono affidati i seguenti compiti:

  • orientare e gestire i rapporti con i tutor dei tirocinanti assegnando gli studenti alle diverse classi e scuole e formalizzando il progetto di tirocinio dei singoli studenti;
  • provvedere alla formazione del gruppo di studenti attraverso le attività di tirocinio indiretto e l’esame dei materiali di documentazione prodotti dagli studenti nelle attività di tirocinio;
  • supervisionare e valutare le attività del tirocinio diretto e indiretto;
  • seguire le relazioni finali per quanto riguarda le attività in classe;
  • orienta e gestisce i rapporti con il Tutor dei Tirocinanti;
  • provvede alla formazione del gruppo di studenti attraverso l’attività di tirocinio indiretto;
  • segue le relazioni finali delle attività in aula;
  • è correlatore nella relazione finale di Tirocinanti.
Competenze attese

Nel processo formativo finalizzato alla costruzione del profilo del futuro insegnante il tirocinio concorre all'acquisizione di

  • competenze disciplinari
  • competenze psico-pedagogiche
  • competenze metodologico-didattiche
  • competenze didattiche atte a favorire l'integrazione scolastica di alunni con disabilità
  • competenze linguistiche di lingua inglese
  • competenze digitali
  • competenze organizzative e relazionali
  • competenze necessarie allo sviluppo e al sostegno dell'autonomia delle istituzioni scolastiche
Metodologia

L’orientamento di ricerca pedagogica al quale i tutor faranno riferimento lungo tutto il percorso formativo è quello della ricerca-azione in cui avviene una comunicazione simmetrica tra i protagonisti. Tale modello vede l'insegnante come ricercatore, l'insegnante che riflette sulla propria pratica didattica, che si pone domande, che indaga e raccoglie dati sugli aspetti problematici individuati, che attua percorsi alternativi per arrivare a migliori risultati.

Luoghi

Università – Scuola – Classe – Territorio

Tempi di realizzazione

Il Tirocinio Formativo Attivo (TFA) per la Scuola Secondaria di 1°e 2°grado è il corso abilitante all'insegnamento istituito dalle università. Ha la durata di una anno e attribuisce, dopo aver sostenuto un esame finale, il titolo di abilitazione all'insegnamento in una delle classi di abilitazione previste dal D.M. 39/1998 e del D.M. 22/2005.

Organizzazione

L'organizzazione del tirocinio procederà secondo piani per cui l'Istituto è stato accreditato.

indice


Dipartimenti disciplinari attivi

Scuola Primaria

I docenti della Scuola Primaria dell'Istituto si riuniscono periodicamente, in tempi stabiliti all'inizio dell'a.s., per lavorare alla progettazione per classi parallele, per discipline, per sperimentare e verificare strategie di insegnamento/apprendimento basate sulla didattica delle competenze.

Scuola Secondaria di primo grado
  • Dipartimento di Lettere
  • Dipartimento di Scienze Matematiche e Naturali
  • Dipartimento di Lingue (Inglese-Francese-Spagnolo-Tedesco)
  • Dipartimento di Tecnologia
  • Dipartimento di Arte e Immagine
  • Dipartimento di Musica
  • Dipartimento di Strumento musicale
  • Dipartimento di Scienze Motorie
  • Dipartimento di Religione Cattolica
  • Dipartimento di Sostegno

indice


Partecipazione dell'Istituzione alla rilevazione degli apprendimenti nazionali

La scuola:
  • partecipa regolarmente alle rilevazioni previste dall'INVALSI;
  • nell’a.s.2010/2011 è stata scuola campione per le rilevazione degli apprendimenti classi prime della Scuola secondaria di primo grado;
  • nel corrente a.s. 2014/2015 è stata selezionata per l’Indagine internazionale TIMSS 2015 - Trends in International Mathematics and Science Study condotta ogni quattro anni riguardante i livelli di apprendimento raggiunti dagli alunni delle classi (nel nostro caso le classi terze di Scuola secondaria di primo grado) per la matematica e le scienze;
  • nell’a.s. 2014/2015 ha istituito con delibera del collegio docenti la FS Autovalutazione di Istituto e INVALSI, Prof.ssa Valentina Della Volpe, responsabile del RAV (Rapporto di autovalutazione d’Istituto - Circolare 47 del MIUR "Priorità strategiche della valutazione del Sistema educativo di istruzione e formazione Trasmissione della Direttiva n. 11 del 18 settembre 2014".

indice


Laboratori attrezzati

LABORATORI
Laboratori di informatica 2
Laboratorio multimediale 2
Laboratorio ceramica 1
Laboratorio scientifico 2
Laboratorio astronomico 1
Terrazza astronomica 1
Aule musicali per orchestra e coro 4
Teatro 1
Biblioteca 1
Palestra 3
Sala conferenze 1

indice


Esperienze realizzate dall’Istituzione

Formazione e aggiornamento in servizio
  • Progetto in rete “Nati due Volte” - L.440/97 per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità con approfondimento del modello bio-psico-sociale e dei principi culturali di riferimento della classificazione ICF con il potenziamento delle nuove tecnologie mirate a migliorare le opportunità di formazione degli alunni con diabilità.
  • Giornate della dislessia “L’officina delle idee”- proposte per valorizzare le caratteristiche di apprendimento degli alunni DSA.
  • Corso associazione Italiana Disprassia.
  • Aggiornamento sulla Valutazione.
Collaborazioni universitarie per ricerca e stage di alta formazione

La scuola collabora dal 2010 con l’Università degli studi di Roma “FORO ITALICO” – Dipartimento di Scienze Umane e della Salute – Laboratorio di Didattica e Pedagogia Speciale – Direttore Prof.ssa Lucia de Anna - come ente di accoglienza per la formazione e la ricerca sul campo nell’ambito dei processi di integrazione ed inclusione:

  • per il dottorato di ricerca internazionale “Culture, disabilità e inclusione: educazione e formazione”
  • di Dirigenti delle scuole francesi e di Taiwan,
  • di giovani ricercatori e studenti ERASMUS
  • per i Corsi di specializzazione alle attività di sostegno
  • per i corsi abilitanti TFA in Scienze motorie e sportive
Laboratori extrascolastici per gli alunni, in orario aggiuntivo, tenuti dai docenti dell'Istituto

Vedi POF (pdf)

Progetti

Vedi POF (pdf)

indice


Convenzioni attive

Convenzioni attive
Classe
di Concorso
Ente universitario di formazione e ricerca Docenti accoglienti presso
istituzione scolastica
A043 Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
Università degli Studi di Roma “Roma TRE”
Aiello R.
Caputo T.
Ceci R.
D’Antona M.
Di Donato D.
Filippone C.
Geremia R.
Moresco P.
Rossi R.
A032 Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” Castracane N.
A030 Università degli Studi di Roma “FORO ITALICO” Bigioni N.
A345 Università degli Studi internazionali di Roma “UNINT” Casini A.
A545 Università degli Studi internazionali di Roma “UNINT” Donini N.
A025-28 Accademia di Belle Arti di Roma Granozio F.
A033 Università degli Studi di Roma “Roma TRE” Piva D.
Sostegno Scuola secondaria di primo grado
Classe
di Concorso
Ente universitario di formazione e ricerca Docenti accoglienti presso
istituzione scolastica
AD00 Università degli Studi di Roma “FORO ITALICO” Della Volpe V.
Sostegno Scuola primaria
Area
Disciplinare
Ente universitario di formazione e ricerca Docenti accoglienti presso
istituzione scolastica
Scuola primaria Università degli Studi di Roma “FORO ITALICO” Gallaccio M.