I.C. Parco della Vittoria

FAQ COVID

Le lezioni sono tutte in presenza?

Si.

In questo anno scolastico, gli alunni sono stati tutti accolti nelle classi, o c’è una rotazione?

Tranne nelle prime fasi di questo faticoso avvio, in cui erano ancora presenti banchi biposto e si è quindi proceduto ad una rotazione, tutte le classi sono ora dotate di banchi monoposto e sono quindi tutti in presenza. Questo è stato possibile grazie ad un acquisto mirato, previsto nella scorsa primavera con i pochi fondi disponibili, ed alla successiva implementazione di banchi forniti dal Commissario straordinario.

Come è assicurato il distanziamento sociale?

Il distanziamento sociale è garantito con entrate ed uscite scaglionate nelle due sedi, area pedonale allargata con controllo da parte della polizia municipale per evitare assembramenti, accesso contingentato alle toilette.

Quali regole igienico-sanitarie sono applicate?

In ogni classe e in molti punti delle sedi dell’Istituto sono presenti dispenser di igienizzanti. Ogni giorno tutti gli alunni cambiano in sede la loro mascherina con una nuova fornita dalla Scuola, che viene rinnovata per le classi a tempo potenziato e a indirizzo musicale. È poi previsto un tracciamento con nome e orario di tutti gli alunni e le alunne che si recano alla toilette.

Quali regole igienico-sanitarie sono applicate nelle classi ad indirizzo musicale, in occasione delle lezioni di strumento e/o prova di orchestra?

Oltre alle consuete disposizioni gli alunni che suonano strumenti a fiato devo osservare un distanziamento di almeno due metri uno dall’altro e devono indossare la visiera al posto delle mascherine. Ogni alunno deve provvedere all’igienizzazione del leggio e delle mani prima e dopo l’utilizzo dello strumento. Disposizioni specifiche rispetto ai singoli strumenti sono state predisposte dalla Scuola in un apposito regolamento.

La scuola rileva quotidianamente la temperatura?

La scuola esegue una rilevazione a tampone nelle classi e provvede sempre con un termoscanner alla misurazione della temperatura degli alunni che manifestano malesseri.

Quali procedure segue la scuola per vigilare su casi sospetti di Covid-19?

Come in ogni scuola è presente una docente referente Covid coaudiuvata da altri colleghi (due in ogni sede). Per facilitare l’aggiornamento costante delle informazioni è presente uno specifico account della referente alle quali si accompagnano specifici indirizzi mail riferiti alle tre sedi.
La referente sottopone alle famiglie degli alunni segnalati dei quesiti stabiliti dalla ASL riguardanti le modalità e i tempi del contatto con la persona risultata positiva, la presenza di sintomatologia, la tipologia dell’eventuale tampone, i rapporti intrattenuti con il medico o il pediatra di riferimento…
La referente, costantemente in contatto con la ASL, provvede ad informare questa e a fornire i dati in possesso compresa la tracciabilità dei contatti dell’alunno/a avuti, anche occasionali, all’interno dell’Istituto.
Stessa procedura è seguita anche per il monitoraggio del personale docente e non docente.
Se l’alunna/o è in isolamento precauzionale o quarantena si procede all’attivazione della DAD (vedi più avanti Sul home page del sito è consultabile uno “Spazio Covid” appositamente dedicato all’argomento.

Come viene attivata la DAD?

la Didattica a Distanza, già sperimentata nella scorsa primavera fin dal 18 marzo attraverso un servizio di classroom fornito dalla piattaforma Cisco Webex, piattaforma ritenuta più affidabile in materia di tutela di dati personali, è attivata nei seguenti casi: isolamento precauzionale, quarantena fiduciaria di un singolo alunno o di tutta la classe, malattie con prognosi di oltre cinque giorni, Impossibilità di frequenza a tutela di familiari “fragili” (previa documentazione medica), infortuni che comportino limitazioni nell’autonomia personale con conseguente difficoltà di frequenza. Ogni mattina, da scuola, i docenti aprono la classe virtuale e i ragazzi e le ragazze da casa possono agevolmente seguire dai loro dispositivi.

Il/la docente in quarantena partecipa alla Didattica a Distanza?

Questo non è possibile se le classi lavorano in presenza perché non può esercitare la doverosa vigilanza nei confronti dei minori. Se la classe non è in presenza il/la docente può intervenire da remoto.

In caso di lockdown la scuola viene incontro ad eventuali richieste di pc?

Nei limiti delle sue dotazioni tecnologiche la Scuola cerca di aiutare quanti: famiglie con situazioni economiche più fragili, famiglie con più figli frequentanti l’Istituto, o con necessità di utilizzare in contemporanea più dispositivi… facciano richiesta di un dispositivo in comodato d’uso.