La pizza
Come tutti sanno,
la pizza se magna tutto l’anno,
e se annanno in pizzeria
nun ne voi uscì via.
Te siedi ar tavolino, leggi er menù,
sceji la pizza che te piace de più.
Intanto er coco co’ morta fretta,
mette l’ingredienti che la renneranno perfetta.
 
Mettenno la mozzarella er pommodoro,
diventa più preziosa dell’oro.
E se l’ingredienti giusti metterà,
‘na pizza margherita ce porterà.
 
Pe’ ‘sta pizza ciò ‘na mania
Che de sicuro nun se n’andrà via!
 
 
 
Margherita Robak
1 E - S.M.S. Mommsen

 

Er corpo umano
 
 
Er corpo umano è ‘na macchina lavoratrice,
spinge e pompa come ‘na lavatrice.
Lo scheletro è ‘na grann’imparcatura
Aregge tutto; ‘n casino de robba
Braccia gambe ogni organo sgobba.
Er cervello è er capo de ‘sta fabbrica grandiosa
Che manna ordini a tutto er corpo a iosa:
i pormoni stanno nello sterno
pijano e cacciano aria pure d’inverno.
So’ du’ sacchi ‘npo’ spugnosi,
pieni de tubetti secchi e scivolosi.
Poi, giusto ar centro, er nostro core
Che quanno se ferma… l’omo more.
Er core è anche ndo stanno li sentimenti:
amore, gioia, amicizia e tanti eventi…
Lo stomaco, er sacchetto macinatore:
ogni cibo trasforma a tutte l’ore
se apre e manna tutto all’intestino,
quer serpentone intorcinato e fino.
Poi er fegato, er pancreas, la vescica,
c’è de tutto e de più…
come i mattoni che formamo ‘n’igloo.
Questo, l’ho detto, è er corpo umano
grandioso, unico, ma ‘npo’ strano
perché pe’ funzionà dev’esse sano!
 
 
Andrea Fantoli
I E - S.M.S. Sacchetto

 

Momenti de felicità
 
 
Er momento mijore della giornata
è quanno, alle tre, torno a casa tutta affamata
e davanti a ‘n ber piatto fumante
nun resisto e me magno tutto in un istante.
 
Poi sul divano me sbrago,
me vedo un programma e così me svago.
 
Quanno finisce, aritorno alla "triste" realtà
penso ai compiti che me stanno a’ aspettà!!!
 
 
 
Michela Iannantuono
I E -  I.C. Natale Prampolini

 

La scola de ‘sto paese
 
 
La nostra scola de Gallicano
cià un programma morto strano:
si la frequenti con passione
diventerai ‘n gran campione
si ce vai marvolentieri
resti nella classe in cui eri.
Teatro, sport, archeologia
i computer, mamma mia!
Colla prof de italiano
Avemo visto er foro romano;
colla prof de giometria
i compiti, che monotonia;
colla prof de religione
non sarai più ‘n gran cafone.
E pe’ chi studia a ‘sta scola,
ogni giorno er tempo vola,
e alla fine der terz’anno
quasi tutti proseguiranno.
 
 
 
Deborah Rotondi
1 G - I.C. Via Tre Novembre – Gallicano
 
Lettera ai potenti
 
 
 
St’ommini potenti m’hanno stufato
che dicono che pe’ sarva’ la povera gente
bisogna fa la guera permanente
e c’entra in mezzo er povero sordato
che poraccio, torna a casa mutilato.
Ma in verità è solo per petrojo e le miniere
che hanno portato solo ferite e lacrime vere.
Io jelo vorei dì a ‘sto comitato
de potenti mercenari deficienti
e spero che questo je rimanga in mente:
"Ce state a rovinà ‘sta bella tera
co’ ‘sta mania che ciavete de fa la guera."
 
 
 
Stefano Capece
2 B - I.C. E. De Filippo – Colleverde
 
Me sento vòta
 
 
Me sento vòta
Come ‘n palloncino,
dimenticato,
senz’aria…
me sento sgonfia d’anima
e ar posto suo
c’è sta ‘n vòto immenso.
A vorte, basta una scintilla,
pe’ fa’ occupa’ quer posto
da ‘n’antra anima cattiva
che me fa fa’ cose brutte.
Questo penso sia
un problema d’età;
artrimenti chi se lo sa spiega’.
 
 
 
Martina Del Mastro
II I S.M.S. Via Tor de Schiavi
 
La tristezza
 
 
Ce so’ vorte
Che tutto me cade addosso,
tutte le cose intorno a me s’azzittano,
nun hanno peso,
i colori diventano grigi
grigi come li pensieri.
Nei sorisi
solo sguardi vòti.
Tutti corono
nun se fermano a domannatte perché,
pure l’amici spariscono:
la tristezza è solitaria.
L’occhi percorrono piano le pagine der libro
Ogni parola è un pensiero che fa male;
reagì se deve
nun rassegnasse,
provà a inventà,
dalla tristezza nun fasse contagià
 
 
 
Laura Buttaro
2 G - I.C. Balabanoff
 
Crisi Parmalat
 
 
La Parmalat è annata in crisi,
nun ce stanno più sorrisi…
 
Prima a litri beveveno er latte i regazzini,
e mo meno de du’ misurini…
 
Ma noi, veramente, tanto nun ce capimo,
ce provamo, ma nun ce riuscimo…
 
Come se po’ fa’
pe’ riuscì a capì ‘sto problema qua?
 
Prima tanto, troppo latte all’anno,
e mo solo notizie pe’ tutto l’anno…
 
ma le mucche che se so’ messe ‘n testa?
Gnente più dorci col latte alla festa?
 
Dopo la loro pazzia,
anche la razzia?
 
Cianno puro loro un periodo brutto?
Ma er latte mica sarà annato via tutto!
 
Ma pensanno e ripensanno,
‘sto mistero lo risolveranno…
 
e da ‘sta crisi
nasceranno nuovi sorrisi…
 
 
 
Guendalina Pizzabiocca e Alessia Morettini
2 F - S.M.S. Moscati
 
La mattinata mia
 
 
 
Stamattina quando me so’ svejato
Me sentivo er corpo tutto svojato
Sarà forse pe’ ‘sto tempo appiccicarello?
Perché devo da prende sempre l’ombrello!
O sarà pe’ li compiti de scola
Che so’ tanti, e m’arivano fino alla gola
Ma forse è che vojo sta’ callo callo a letto
A gustamme li cartoni cor giornaletto.
 
 
 
Carlo Roscioli
2 A - S.M.S. G.G. Belli
 
W la RAI TV
 
 
"E so’ 50!"
"A no’! Ma che te levi l’anni?"
"E no fija mia parlo de televisione!
L’ha compiuti st’invenzione…
Che te fa vedè tutto sull’informazione.
Ce fece vedè la luna sotto ar piede
de quella specie de palombari
che zompettavano come calamari;
"er musichiere" se giocava co’ ‘na canzoncella
dopo avè sonato ‘na campanella.
Poi "lascia o raddoppia" pe’ vedella
Tutti a casa de mi sorella.
E nun te dico "carosello"
li ragazzini pe’ vedello facevano un gran macello.
Er telegiornale, strombettava Tà tà tà taratà…
e le notizie: de politica, de morti, de scioperi e de chissà
Mò c’è puro la pubblicità: te fanno ‘na capoccia
Che spenni e spanni e te ritrovi vòta la saccoccia!
50 anni so’ tanti!!"
"A no’! T’auguro de vedenne altrettanti."
 
 
 
Giulia Raffone
II B - S.M.S. Ulderico Sacchetto
 
Fija unica
 
 
Nun ciò né fratelli né sorelle
E a sentì le amiche mie "poverelle"
se sentono l’urli da mattina a sera
a partì dall’estate fino a primavera.
Ma da ‘na parte so’ ‘n po’ infelice:
che m’abbraccio la sera prima d’annà a letto?
A chi leggo la favola d’Alice?
Chi me dà ar risvejo er primo bacetto?
Insomma noi nun semo mai contenti:
ce n’avemo dieci e ne volemo venti!
 
 
 
Giulia Franchitti
2 D - I.C. Vigna Pia
 
Papà me manchi…
 
 
Te ne sei annato quann’ero piccoletta
mo ciò tredici anni, so’ cresciuta in fretta,
ciò un vago ricordo delle tue fossette;
quanno me facevi fa le piroette,
e se cadevo alli giardinetti
me riconsolavi co’ ‘n sacco de bacetti.
Papà me manchi…
Me manca dì er nome tuo e sapè
che nun me posso più strigne a te;
spesso ‘na lacrima me vorrebbe rigà er viso,
ma poi ripenso a te che me sorridi dar Paradiso.
 
 
Valeria Catarasso
3 E - S.M.S. Alessandro Severo
 
La paura
 
 
La paura è ‘na brutta cosa
Quanno te pija nun te n’accorgi
Poi all’improvviso se riposa
E pare che dalle tenebre risorgi.
Tante vorte te viè la tremarella
Altre vorte te se rigirano le budella:
allora cerca de nun penzà
sgrulla le spalle e tira a campà.
 
 
Andrea Malerba
3 C - S.M.S. G.G. Belli