anno scolastico 1998-99

6° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA

La Scuola Media Statale "G.G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il sesto Concorso di Poesia Romanesca "G. G. Belli" riservato a tutti gli alunni delle Scuole Medie di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro il 13 Marzo 1999 componimenti scelti (dattiloscritti) in dialetto romanesco a tema e a metro liberi presso la nostra scuola. Ogni componimento redatto su carta intestata della scuola, deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore.Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della S.M.S. "G.G. Belli" con rappresentanti del Provveditorato agli Studi, del Comune di Roma e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio, proclamerà i vincitori per le classi: prima, seconda, terza ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 28 Aprile 1999 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.

IL PRESIDE
Prof. Angelo De Vita


La Giuria presieduta dal Preside Prof. Angelo De Vita è composta:

Provveditore agli Studi di Roma Prof. Paolo Norcia
Assessore alle politiche Educative del Comune di Roma Dott.ssa Fiorella Farinelli
Coordinatore del Concorso Prof. Pietro Teodonio
Roberto Alemanno
Stefano Bossi
Sergio Di Giulio
Carlo Gnetti
Emanuela Lorenzetti
Gino Massullo
Sandro Medici
Franco Schiavetto
Marcello Teodonio

 

Primo Premio Assoluto - Ex aequo

La gomma americana

Ogni giorno un regazzino
me se mette a ciancicà.
Er dolore è tanto forte ma lo devo sopportà.
Poi quarcuno strilla sempre
de buttamme ner cestino.
Er bambino borbottando
ubbidisce ar suo comando
e finisco, che schifezza
sempre immezzo alla monnezza

.

Marta Bottero I C
Scuola Media Statale Buonarroti

Primo Premio Assoluto - Ex aequo

Poesia

Er sole, du' uccelletti e 'na chitarra,
du' ragazzini che giocano,
'na mamma indaffarata.
E poi er ponentino che soffia,
er cane che annusa
e du' sguardi innamorati,
'na carezza accennata
e er rossore sulle gote.
Stravaccato sul terrazzo,
io, odo, guardo, annuso
e so' contento de sti doni.

Sebastiano Gennaro II C
Scuola Media Statale "L. Settembrini"

Primo Premio Assoluto - Ex aequo

Er Diario

Er mio diario è pieno de scritte
che se ‘e vede er professore je pijano le fitte.
Mi madre s'è sconvorta,
tanto che s'è messa a cantà e a fa’ ‘na giravorta.
Mi padre è restato carmo...
m'ha solo recitato un salmo.
Ma io me conosco, nun so' na lavativa,
so’ n’artista, ‘na creativa.

 

 

 

Giorgia Marinuzzi III H
Scuola Media Statale "C. A. Dalla Chiesa"

Premio Speciale "Satira"

Er Presidente Americano

Der Presidente Americano,
ho sentito un fatto strano:
che 'na bella signorina,
ha incontrato 'na mattina
e con lei s'è fidanzato
pur essendo già ammogliato.
Tutto er monno ha risaputo
questo fatto che è accaduto,
er sor Clinton c'ha rimesso:
s'è beccato un bel processo!
L'ha poi assolto er Tribunale:
Non je’ annata tanto male,
pur se Hillary, è assodato,
che de botte l'ha corcato.

Giulia Testa III H
Scuola Media Statale "C. A. Dalla Chiesa"

Premio Speciale "Roma"

A Marco Aurelio

Un giorno che coi nonni so’ venuto
a visita’ a natale er bambinello
salendo quella scala, t’ho veduto
grande, imponente e quant’eri bello!

M’hai torto er fiato e subbito ho creduto
d’esse puro io un milite romano
forte, gajardo, er tuo più grande aiuto,
e nun potevo statte più lontano!

Sto’ a volà er tempo e me ritrovo poi
insieme a tutti l’altri centurioni.
Che je facevi tu ai sordati tuoi
se a me, pure de pietra, me emozioni?

E più te guardo e più sento calore
che cresce forte forte dentro ar petto
sei stato certo er mejo imperatore
e meriti davvero un gran rispetto!

Adesso, so’ i piccioni e li turisti
a fatte ancora un po’ de compagnia.
Sposi, parenti, artisti e musicisti
te guardano e nun vonno più annà via.

Dicono che sei una copia e quello vero
sta dentro ad un museo, ben riparato.
E allora, er bambinello è più sincero?
Nun è la copia de quello rubato?

Er vero Marco Aurelio sarai tu
tutte le volte che ce rivedremo
e sopra a quer cavallo, da lassu’,
de er tempo e della storia rideremo!

Valerio Duranti II A
Scuola Media Statale "Esopo"

Premio Classi prime - Ex aequo

Er Cellulare

Ar monno proprio ce mancava ancora,
questa si ch'è 'n'invenzione co' li fiocchi!
Se te viè' da dì' 'na cosa all'urtim'ora,
che ne so:"Giulià, me fai li gnocchi?"
Ecco, mi' padre apre er Motorola,
compone er nummero sopra er motorino,
co' la bava alla bocca, se consola
perchè mi' madre, come an ragazzino,
in quattro e quattr'otto, li prepara,
je le dà tutte vinte, poverino!
Apparte questo, quanno ariva a casa,
dopo che s'è fionnato sopra ar piatto,
er bello ha da veni', che concertino!
Tra er telefono de casa e er cellulare,
nun se po' di' gnente forte, tutto de soppiatto!
"Zitto Chicchetto mio, sto co' Gujermi!
De giocà' co' la plei stescion nun se ne parla!
Sbrighete, nun c'hai compiti da fare?
Sarà commodo pure, è 'n passo avanti,
te permette de chiamà quanno te pare,
ma se volemo dà' 'na regolata?
Sennò finimo tutti all'ospedale,
cor cervello rintronato, da rifare!

 

 

 

 

 

 

Emanuele Fefe’ I C
Scuola Media Statale "G. G. Belli"

Premio Classi prime - Ex aequo

Er Piccione Viaggiatore

Ve vojo racconta' na bella storia
che parla d'un piccione viaggiatore
che ciaveva problemi cor motore.
Annava dritto e poi sbannava
perché la vista je s'appannava.

Così er piccione viaggiatore
volò fino a un dottore
che era pure 'n oculista,
cioè quelli che cureno la vista.

Er piccione disperato,
je disse un po' arabbiato,
"A dotto' dateme quarcosa
pe’ ‘sta vista difettosa".

Er dottore je diede l'occhiali
che pareveno più che artro du’ fanali
perché er piccione, poverino,
c'aveva er becco piccolino.

Così l'occhiali je cadeveno
e le lenti se rompeveno.

Così er piccione coraggioso
Prese la decisione
e affermò orgoglioso:
"Vado in pensione!"

 

Martina Veltroni I C
Scuola Media Statale "M. Buonarroti"

Premio Classi prime - Ex aequo

La scola e’ ‘na famija

La scola, posso di' senza ironia,
proprio come la famija mia.

A commannà ce so' li professori
Che fanno er paro co' li genitori.

"Stateve boni e zitti, nun toccate,
nun dite parolacce, nun menate."

E nun se po' capì co' quanta pena
me tocca sopportà ‘sta cantilena.

Inzomma ho da sentimme puro là
quello che a casa sento dì a papà.

Si quarche cosa cambia è er risultato
perché si sgaro, ce resto buggerato

a scola me rifileno 'na nota,
a casa a cena resto a panza vota.

Co' li compagni c'è grande armonia
Come ce sta co' li fratelli mia,

si dico bianco dicheno che è nero,
si è brutto è bello e querch' è rotto è intero.

Si discutemo è sempre un parapija
Ma che voi fa'? La scola è 'na famija!

Roberto Pompei I C
Scuola Media Statale "G. G. Belli"

 

Premio Classi seconde - Ex aequo

Sei come...

Sei come la cioccolata calla
doppo ‘na passeggiata ne la neve.
Sei come li primi raggi der zole
che ar mattino me svejeno dorcemente.
Sei come la pioggia fresca
doppo lunghe giornate afose.
Sei come 'na primavera colorata
che spriggiona calore e allegria.
Sei solo un ber sogno...
ma sei la vita mia!

Giulia Vesperini II B
Scuola Media "Virginia C. Bracelli"

Premio Classi seconde - Ex aequo

La neve

Anche 'st'anno è cascata la neve
Soffice, soffice, candida e lieve
M'ha svejato stamatina
Con la su' aria frizzantina...
Me piacerebbe d'anna’ a scià
E co' la neve potecce giocà...
Ma m'aspetta er dovere che nun consola:
Puro oggi me tocca annà a scola!

 

Francesca Vartuli II B
Scuola Media Statale "E. De Filippo"

Premio Classi seconde - Ex aequo

E’ Primavera

Ogni anno de ‘sti tempi
me sento preda dei più vari turbamenti.

Er core mio batte più forte
la mente me corre via lontano
quasi fosse 'n aroplano.

A scola, er professore
me chiama, me riprenne
...non s'arrende.

Forse perché pe' lui, è ormai lontano,
quasi un ricordo strano,
er tempo de ‘sto richiamo.

A me un po' me dispiace
de vedello così
e sempre me faccio er proposito
d'acconsentì.

Ma i giorni passano,
la primavera è qui
e io non vedo l'ora
che er campanello soni
pe’ potè uscì.

Martina Massullo IIC
Scuola Media Statale "G.G. Belli"

Premio Classi seconde - Ex aequo

‘Sta benedetta Dieta

Che giorno è?
Lunedì!?
Potemo inizià sta benedetta dieta.
Oggi me magno solo 'na patata, 'n insalata
e na mela.
O stomaco me se contorce,
che vorrà di?
C' avrò fame?!
Quasi quasi
me magno ‘na merendina
che spunta su ‘sta mensola in cucina.
Me sta a chiamà!
Me dice: "Viè qua...te sto aspettà!!
Io nun m’ ‘o faccio ripete du vorte.
E con boccone je faccio di "Amen".
Che giorno è?
Lunedì!?
Cominciamo martedì!

 

 

 

Roberto Fischione IID
Scuola Media Statale "Di Liegro"

Premio Classi terze - Ex aequo

L’urtim’anno

Ed eccoce qua
finarmente semo arrivati in terza.
Certo, alla fine, ce sarà quarche scontento
un paio su cento
che purtroppo non sarà ammesso
e ce rimarrà come un fesso.
Tutti c'avemo un po' de paura
perché i prof. so' tremendi e noi lo sapemo.
Ma noi non molleremo e lotteremo coi libri
fino all'urtimo.
Ma la cosa più difficile
è sceglie dove annà a le superiori,
licei scientifici, classici, professionali
pe' me so' tutti uguali:
liceo o istituto?
Sceglieremo a intuito
All’urtimo minuto.

Gerardo Muollo III H
Scuola Media Statale "C. A. Dalla Chiesa"

Premio Classi terze - Ex aequo

Er Sole e la Luna

Er sole disse alla luna:
"Perché tu esci de notte
E io de giorno?"

La luna je rispose:
"Ma che nun ce lo sai,
E' 'n fatto naturale!"

"E perche tu diventi piccola
e io so' sempre grosso?"
"Perché tu devi er mondo ariscallà
Io invece posso sia cresce che calà."

 

 

Massimiliano Babbo III B
Scuola Media Statale "E. De Filippo - Colleverde di Guidonia

Premio Classi terze - Ex aequo

L’Euro

Ecchice arrivati ar dumila.
Nove tecnologie, nova olimpiade, nova moneta.
Stamo tutti ad aspettà stò euro.
Ma come sarà? Ce piacerà?
Ner dumiladue vedremo già stè monetine girà.
E dove andranno a fini' quei famosi detti:
"Prestame 'na piotta" o " ecchite du sacchi" ?
Comunque pe nun avè nostargia,
bisognererà dimenticare il passato,
e pensà solo, ad inventà nuovi detti.

Giorgio Gabriè III H
Scuola Media Statale "C. A. Dalla Chiesa"