anno scolastico 1997-98

5° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA

La Scuola Media Statale "G.G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il quinto Concorso di Poesia Romanesca riservato agli alunni della scuola media di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie di Roma. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro il 7 Marzo 1998 le copie dattiloscritte in dialetto romanesco a tema e a metro liberi.
Ogni componimento deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore.
Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della SMS "G.G. Belli" con rappresentanti del Comune di Roma, del Provveditorato agli Studi e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio proclamerà i vincitori per ciascuna classe ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 28 Aprile 1998 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.

IL PRESIDE
Prof. Angelo De Vita


La Giuria presieduta dal Preside Prof. Angelo De Vita è composta:

Provveditore agli Studi di Roma Prof. Paolo Norcia
Assessore alle politiche Educative del Comune di Roma Dott.ssa Fiorella Farinelli
Coordinatore del Concorso Prof. Pietro Teodonio
Alemanno Roberto
Bossi Stefano
Di Giulio Sergio
Massullo Gino
Schiavetto Franco
Tabolli Stefano
Teodonio Marcello

Primo Premio Assoluto

Er battesimo de Roma

La cuppola, la piazza, er colonnato,
'na bocca aperta, che nun cià parole;
un pellegrino, un'ombra sur serciato,
un moscerino in mezzo a tanto sole!

'No scroscio fragoroso de funtane,
rompe er silenzio grave e incantatore,
ner mentre er din don dan de' le campane,
sveja la FEDE appennicata in côre.

Er vorteggià, che fanno l'ucelletti,
sur cêlo de 'sta Piazza tanto bella,
arissomija a un volo d'angeletti
che, ne' l'azzurro fanno acchiapparella.

E le statue, che guardeno pensose,
verso l'ignoto, verso l'ar di là,
risvejeno ner côre tante cose:
parleno tutte d'immortalità.

La porta de San Pietro, spalancata
frammezzo a tutte 'ste grandiosità,
pare che dica a 'n'anima assetata:
"Annamo, entra, viette a dissetà!"

In quer momento santo, er Pellegrino,
s'amargama cor tutto de la Piazza,
se incorpora co' tanto travertino,
se sente, come dentro, 'na corazza!

Sortanto, allora, in mezzo ar colonnato,
'na voce immagginaria, scenne giù;
pare che dica: "Viè, t'ho battezzato,
adesso sei romano pure tu!"

Francesco Di Giovanni
III F Scuola Media Statale "G. G. Belli"

Premio Speciale "Roma"- Ex aequo

Aspettando er Giubbileo

Saran tanti a fa' la fila
alle soglie der dumila
e 'na cosa pare certa
che viè puro la zia Berta.

Tanta gente ar Colosseo
pè sto grande Giubbileo,
i negozi assai contenti
se faranno più splendenti.

I fedeli preoccupati
i bijetti han già comprati,
pe' le vie e in mezzo ai Fori
ce sta pieno de lavori.

Tra er Castello e er Fiume Biondo
ce sarà 'n traforo tondo.
Ma lo famo o nun lo famo?
da 'na vita l'aspettamo.

Mentre io, lo sai che faccio?
Te saluto Palazzaccio,

mollo ar Pincio la zia Berta,
te saluto sottopasso
e in un'isola deserta
me diverto e me la spasso.

 

 


Lorenzo Senni
III C Scuola Media Statale "G. G. Belli"

Premio Speciale "Roma"- Ex aequo

Er Giubileo

Capisco, Santità, che 'n bon pastore
spesso bisogna che raduni er gregge
ma er traffico a S. Pietro chi l'aregge
si nun ce fa er miracolo er Signore.

Capisco, Santità, che er peccatore
viè a S. Pietro perchè se vò coregge
e penzo che sarebbe contro legge
de negaje er perdono dell'amore.

Ma, in fonno, ar forestiero che deciso
vié 'gni Giubileo che je costa
guadagnasse 'n canton de paradiso?


Er peggio è vive dietro a ste' colonne
capì che d'una fede corrisposta
te so' rimaste solo le madonne!

Francesco Di Giovanni
III F Scuola Media Statale "G. G. Belli"

Premio Classi prime - Ex aequo

Er Caretto

Quest'anno m'è venuta na' penzata:
siccome che li libbri so' pesanti,
pe' trasportalli 'n'zieme tutti quanti,
e sparambià 'na bella faticata,

me so' 'nventato 'n piccolo caretto.
E invece de portalli sur groppone,
così come er facchino a la stazzione,
me tiro appresso 'n peso alleggerito
che posso trasportà pure cor dito.


E mo' si arivi all'una avanti a scola
tutti li regazzini de 'sto Belli
li vedi uscì pe' strada coi carelli.


Francesco Alfieri
I F Scuola Media Statale "G. G. Belli"

Premio Classi prime - Ex aequo

Er Sole

Se io fossi er sole
illuminerei
l'angoli più remoti de la tera
io però nun so' questo
pe' mo' illumino solo me stesso.

 

 

Francesco Corda
I C Scuola Media Statale "L. Settembrini"

Premio Classi prime - Ex aequo

Er Buio

Ce so' animali che tanto bene ar buio stanno:
er gatto, la civetta, l'ungulati;
de sicuro nun je viè un malanno
manco ar pensiero de finì magnati.

Ma er sole me pare tanto bello;
vedo i fiori, er cielo, la vita intorno a me.
La luce me rischiara tutto quello
che a vorte non vorei, però devo vedé.

Dario Arpini
I F Scuola Media Statale "G. G. Belli"

Premio Classi seconde - Ex aequo

Er Compleanno de mi Madre

L'artro ieri mi madre
ha compiuto 40 anni.
   -"A ma'!" Ho detto
    "Te sei fatta vecchietta!!!"
E lei m'ha risposto:
   -"Statte zitta gnappetta!
     Ar giorno de oggi, ciascuno ce lo sa
      che pe' 'na donna nun conta l'età!
      La cosa importante è come se sta.
      A me 'sto 40 'n baffo me fa!!!
   -"A ma', ma che dichi, stai sempre a sognà,
      L'anni so' anni, nun c'è gnente da fà!"

Giulia Testa
II H Scuola Media Statale "C.A. Dalla Chiesa"

Premio Classi seconde - Ex aequo

Titanic

Ieri so' annato a vedé 'n firme:
"Titanic" se chiamava,
de la traggica fine d'una nave parlava.

Mentre er barcone è affonnato,
co' l'acustica er timpano m'è scoppiato.

Quanno so' 'scito c'avevo 'na sete che'n te dico;
co' tutti li pop-corne che m'ero magnato,
du' litri d'acqua me so' scolato.

 

Giulio Morico
II C Scuola Media Statale "F. Baracca"

Premio Classi seconde - Ex aequo

Er Turista

Vengono, vanno, corrono,
guardano cor naso in su,
e intanto sporcano giù.

Er crucco gira come fosse in Riviera,
scordannose che è dentro Roma vera;
beve bira, magna patatine,
e butta pe tera le lattine.

L'inglese è mejo non guardallo se cerca 'na spaghettata
perchè ce vo' mette... la marmellata!!
Tutt'ar più apetta le cinque der pomeriggio
per beve 'n te co' quarche pasticcio.

Guardano tutti, fanno mille scatti, i giapponesi
so' tanti, secchi e brutti,
ma armeno so' cortesi!!
ma me fanno rabbia, e non me pare vero,
quanno se mettono 'n testa de comprà er Corso intero.

Beh, lassamo sta: vengono, vanno, corrono, guardano,
e intanto sta bella capitale... se la sognano!!!

Giulia Parisi
II F Scuola Media Statale "G. G. Belli"

Premio Classi terze - Ex aequo

Er Sorcio Americano a Roma

So' 'n sorcio de Nuova York
e me ne vanto;
sto nella Granne Mela
e coro, sarto e canto.

Mò so' venuto a Roma pe' diletto
e al posto de' 'n cartone de Mec Donald's
c'ho 'na pietra der Colosseo pe' letto.

Che sballo! Me piace proprio sta città,
ruderi, sorci, monnezza e tante antichità:
le monnezze so' quelle che me piaciono de più
ne trovo a mijaia e nun faccio in tempo a mannalle giù.

Me dicono che so' senza fonno e c'ho la trippa
ma chi se ne frega, viva er cotechino e la sarciccia!

Faccio sempre er bagno ne' li spaghetti
vado a cercà sorcette su pe' li tetti,
qua a Roma faccio 'nsomma er signore,
magno, canto e sto in amore!

 

Serena Ingrati
III C Scuola Media Statale "G. G. Belli"

Premio Classi terze - Ex aequo

La Sveja...

Pe' tutta la notte fa tic e tac
e ar matino nun
vede l'ora de fatte arzà.
Finchè nun la spegni co' 'na cuscinata
continua a fatte la serenata.
Sembra che ce provà soddisfazione
a svejatte e a ditte: "E' pronta la colazione!"
E' 'n odio personale
ma credo universale!
Ma dico io era tanto bello er gallo
che annunciava er dì
cor suo chicchirichì !!!


Giulia Giancristofaro
III B Scuola Media Statale "Eduardo De Filippo"

Premio Classi terze - Ex aequo

Er Bidello

Nun se capisce bene se er bidello
se deve considerà 'n sorvejante,
n'usciere o addirittura 'n'insegnante,
o si cià un po' de questo e un po' de quello.

Si er capoccia nun ce sta', comanna lui:
dirigge er professore e lo scolaro
e tutti devono sta' sotto l'ordini sui,
artrimenti dopo te fa pagà amaro

e tu te lo hai da tenè caro
tanto che ar pieno della sua funzione
se sente, paro paro,
er ministro de la pubblica istruzione.

 

Laura Biagioni
III F Scuola Media Statale "G. G. Belli"