anno scolastico 1996-97

4° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA "G.G. BELLI"

La Scuola Media Statale "G.G. Belli" di Roma in collaborazione con l'associazione dei genitori "Noi del Belli" e del Centro Studi G.G. Belli e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il quarto Concorso di Poesia Romanesca riservato agli alunni della scuola media di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie di Roma. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro l'8 Marzo 1997 le copie dattiloscritte in dialetto romanesco a tema e a metro liberi per un massimo di quattro componimenti scelti tra tutte le classi prime, quattro tra le classi seconde e quattro tra le classi terze. Ogni componimento deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore. Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della SMS "G.G. Belli" con rappresentanti del Comune di Roma, del Provveditorato agli Studi, del Centro Studi "G.G. Belli" e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio proclamerà i vincitori per ciascuna classe ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 29 Aprile 1997 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.


Composizione della giuria:
Presidente: Prof. Angelo De Vita

Membri:
Alemanno Roberto, Bosco Mauro, Bossi Stefano, Dandini Serena, De Vita Angelo,
Mannoni Maurizio, Palombelli Barbara, Tabolli Stefano, Schiavetto Franco, Teodonio Marcello
Assessore alle politiche educative del Comune di Roma Dott.ssa Farinelli Fiorella
Provveditore agli Studi Dott.Norcia Paolo
Coordinatore del concorso: Prof. Teodonio Pietro


1° premio assoluto

'NA VITA IN CINQUINE

Cinque mesi nella culla:
non dovevo mai fa' nulla;
cinque anni all'asilo:
ormai s'era spezzato er filo;
cinque anni per pijare
la licenza elementare!!!
Cinque ore anche ar Belli
co li prof e li' bidelli;
cinque anni a le superiori...
...e cor greco so' dolori!!!
Cinque anni alla Sapienza...
...e ce vorra' 'na pazienza!!!
Cinquant'anni de professione...
e cinque sordi de penzione!!!
Nun sara' che ste cinquine
so' tutte punizioni divine?
Nun sara' che 'sta fatica
è l' imbrojio de la vita?

Motivazione:
L'ossessiva presenza del numero cinque o dei suoi multipli decimali nella vita umana viene vista come un incomprensibile gioco senza vincita imposto all'uomo da una punizione divina.


2° premio assoluto

CACCA-BOMBARDIERI ALL'ATTACCO !

Ecco, li stormi so' tornati
a colpì li disgraziati.

Nun so' aerei nè cannoni
so' sortanto cacatoni
er ricordo puzzolente
fà venì 'n accidente.

L'odore da svenì appesta la città
e li Romani scappano de qua e de là,
ma li Cacca-Bombardieri nun te danno scampo!
Prenneno la mira e bombardano a tutto campo !

Bambini e vecchietti cor bastone
tutti scivolano su'sto zozzo lastrone,
a gnente servono l'ombrelli,
tutti se pijano er ricordo su li capelli.

Mo 'sti brutti ucelli so' partiti,
alla prossima stagione li rivedremo rinfortiti !!!

Motivazione:
Un piacevolissimo gioco di parole serve come punto di partenza per manifestare i sentimenti reali e non ipocritamente ecologisti di tanti romani nei confronti degli stormi di uccelli.


premio classi prime (ex-aequo)

LA SCOLA AR CONTRARIO

Tutte le matine io vado a scola.
Se magna un po' de tutto
E se beve coca-cola.
Se fa un gran casino:
i professori ce portano in giardino.
A scola nun se studia
e nessuno sta seduto.
Tutti stanno in piedi sulla sedia
a ballà la macarena
e magnasse l'amarena.
Nun ce stanno professori
Che te dicono:
"statte zitto, statte bono!"
Questa è la scola ar contrario
E nun ce sta nessun orario.

Motivazione:
Il sogno inconscio ma presente in ogni ragazzo di una scuola senza regole e senza costrizioni è ben espresso in questo componimento piacevole nella sua assurdità.


premio classi prime (ex-aequo)

SAN VALENTINO

E' 'na festa come n' antra:
ma senza baci perugina,
diventa 'na tragedia.
Li ragazzi so' sempre quelli,
cafoni e deludenti,
e pure se so' carina,
manco 'n bacio perugina.
Chissa' chi l'ha inventati!
Troppo boni,
troppo golosi,
tutti fanno innamora'.....
..... ma nessuno te li da'!

Motivazione:
La festa degli innamorati vista nel suo aspetto consumistico è di stimolo ad una riflessione amara di chi si sente trascurata non tanto nei suoi affetti quanto nella sua golosità.


premio classi prime (ex-aequo)

'NA POESIA

Certo che ce vole tanta fantasia
pe' pote' vince co' 'na poesia.
Se io fossi poeta grande come Dante
speranze de vince ce n' avrei tante,
ma son piccina pe' pote' ben fare,
e intanto m'accontento de partecipare.
Se poi de premio n' avanzasse uno,
spero che sia mio,anche si nun so' nessuno.

Motivazione:
Una forse falsa modestia riguardo le proprie possibilità ha ispirato questo breve componimento dove viene esaltato il concetto Decubertiano dell'importanza della partecipazione.


premio classi seconde (ex-aequo)

ER GALLO VANITOSO

Er gallo ner pollajo schiamazzava:
"So' er mejo fico,portateme rispetto!"
E stramezzaveno nell'aia le galline:
"Guardate,guardate che piumaggio"
Venne la sora Rosa ar di' de Pasqua e chiese:
" 'N do' sta' er mejo gallo der villaggio?"
Subito se fece avanti er gallo superbone,
che mò fa er morto a galla dentro ar pentolo
ne.

Motivazione:
Gli animali parlanti per un soggetto e uno svolgimento quasi Trilussiani per questa breve metafora in cui la sottintesa morale della superbia punita è ben evidenziata dal finale.


premio classi seconde (ex-aequo)

LI RAGAZZI DER CAVARCAVIA

Pensanno a li regazzi der cavarcavia
sto 'a scrive 'sta poesia.
Quei regazzi lo faceveno pe' gioco,
ma chi passava ce guadagnava poco.
E mentre tiraveno giu' un mattone
cosi' ferivano n'antre du' persone.
Nun lo so quello che je passa 'n testa
forse de fa' 'na gran festa.
Ma è stata 'na festa nera,
perche' je' costata la galera.

Motivazione:
Uno dei più inquietanti fatti di cronaca degli ultimi tempi ha ispirato questi versi in cui più che l'aspetto vandalistico dell'evento viene evidenziata la vuotezza morale e psichica degli autori.


premio classi seconde (ex-aequo)

MIRACOLO A ROMA

C'ho la nausea, er raffreddore.
M'è venuto male ar core .
C'ho la febbre, c'ho 'n dolore
E mo' chiamo er mio dottore.

Er dottore nun arriva
Perché sta sull'artra riva
A curà 'n antro malato
Anche lui non fortunato.

Ma quand'entra nella stanza
m'è passato er mar de panza,
m'è guarita l'appendice,
m'è sparito er mal de gola

perché, grande cosa dice:
"che domani nun vado a scola !!!"

Motivazione:
L'improvvisa e miracolosa guarigione di un presunto falso malato dovuta alla presenza di un medico tollerante che prescrive un giorno di riposo e di assenza dalla scuola.


premio classi terze (ex-aequo)

'NA COTTARELLA

'Na matina vengo a scola,
sembra 'na giornata come 'n antra.
Invece mentre scenno la discesa,
lo sguardo mio s'encrocia co' quello de 'n bonazzo:
occhi scuri,
capelli corti,
carnaggione chiara,
arto e robbusto.
Sgrano l'occhi,er core me batte forte forte
e dico:"Ammazza quant'è bello!"
Sò cotta!
Poi vengo a sapè
che a lui de me
nun je ne frega gnente.
Lo saluto, manco me risponne,
je scrivo, butta er bijetto,
lo guardo, se gira.
Tre anni ciò buttato,
senza accorgeme
che quello che me voleva veramente bene
era sempre stato là,vicino a me:
nun è bello come l'artro,
ma è più dorce.
Mò ho capito 'na cosa:
mejo brutti ma buoni,
che boni ma fregnoni.

Motivazione:
I primi amori di un'adolescente e l'improvvisa presa di coscienza della maggiore importanza dell'aspetto interiore dell'individuo nel suo confronto con la pura esteriorità.


premio classi terze (ex-aequo)

LA CLONAZZIONE

Mò hanno scoperto che tutte le perzone
se ponno raddoppià pe' clonazzione;
prima hanno clonato 'na pecora, Dolly,
mò mischieno le quaje co' li polli.

Pecore , scimmie, mucche anche majali,
de tutti mò rifanno copie uguali.
Dice che servirebbe pe' li trapianti
avecce 'na marea de replicanti.

Io nun ce credo; me pare troppo strano
rubbà er fegato a 'n antro essere umano.
Purtroppo ce dovemo rassegnà
la scienza sempre avanti deve annà.

Motivazione:
Uno degli eventi scientifici che più ha suscitato scalpore in questi ultimi tempi spinge a delle considerazioni sulla mancanza di moralità in alcuni campi della scienza contemporanea.


premio classi terze (ex-aequo)

SO' GRANDE

E' gia' passato ormai piu' d'un annetto
che tutti i giorni m'arzo su dar letto
co' 'na sola idea fissa nella testa:
esse invitata a 'na vera festa.
Tutte le mie compagne
(forse facenno delle lagne)
so' andate beate a fa' baldoria
senza che padre e madre facessero 'na storia.
Loro se so' potute mette l'orecchini,
ombretti, trucchi, fardi, puro le mini...
Io pe' rimedia' er permesso de li genitori
devo famme veni' puro i malori!
Inzomma propio nun ce volete crede
che io so' grande,che er male lo so' vede!
Le cose che m'avete imparato a fa'
le devo pure alla fine dimostra'!
Dateme retta:un po' de liberta',
è er mejo dono da mamma e da papa'.

Motivazione:
La rivendicazione della propria età non ancora cronologicamente adulta ma già psicologicamente sentita come tale spinge al voler dimostrare ai genitori una raggiunta maturità.


1° "Premio Roma"

ER MERCATO DE "PORTA PORTESE"

Si de domenica matina te voi divertì
ar mercato de Porta Portese devi venì.

Tutti li romani gireno ner casino,
pe' comprà monnezza co' 'n quatrino.

Ar mercato tutto poi trovà,
puro er pedalino der pascià.

Robivecchi e zozzeria,
er vestito de mi zia;

er grammofono de l'antenati,
er fucile de li morti ammazzati.

Tiette stretto er portafojo,
che li ladri fan l'imbrojo.

E si te prenne l'appetito
fatte l'abbacchio a scottadito

e si invece tu c'hai fretta
fatte er panino co' la porchetta.

Motivazione:
Un ritratto particolarmente vivace del celebre Mercato delle Pulci romano luogo di incontro di collezionisti e di cacciatori di buone occasioni tra robivecchi e ristoratori improvvisati.


2° "Premio Roma" ex aequo

LA TOMBA DE NERONE

Ode a quer buciardo de Nerone
che co' le vesti da riccone
brucio' la città' tutta
che nun era manco brutta.
Ode a quer buffone
che co' quell'aria da 'mbrojone
se la pijo' co' li cristiani
e li fece magna' da berve e cani.
Certo che pure 'n monumento j'avemo dedicato
a quer maledetto disgraziato!

Motivazione:
Un attacco furente nei confronti dell'imperatore Nerone secondo la classica iconografia romana che lo vede come l'artefice della sua distruzione e come l'autore di ogni misfatto.


2° "Premio Roma" ex aequo

G.G. BELLI

Fin ar milleottocentosessantatre
vive aRoma 'n tizio co 'n certo nun so che.
Viaggia pe' l'Italia e legge i mejo scrittori
dai testi più moderni ne viè quarcosa fori:
je venne 'n mente 'na scrittura ner dialetto
ce fece molta robba, puro 'n sonetto.
Mò a leggeli la voja m'è venuta:
te parla de Roma e della società cornuta.
Me sembra 'n'idea assai bona:
scrive la vita, la morte in poesia nun ce stona.
Cantava le virtù der Pincio e der Colosseo
E gridava ar Papa "sei 'n babbeo".
Je piaceva 'n sacco la capitale
Dove magnava, nun ce stava male.
Me disse er professore,
ne scrisse dumiladucentosettantanove,
parlò puro d'amore,
e der tempo quanno piove.
Me scordo 'na cosa senza valore:
nun so er nome de 'sto scrittore.
Poi rido, come a scola da stupidelli,
ce penzo e dico: "è lui G.G. Belli !"

Motivazione:
Un ritratto del grande poeta romano Giuseppe Gioachino Belli e una breve sintesi dei temi salienti della sua opera spesso citata e utilizzata anche da chi ne ignora l'autore.