anno scolastico 1994-95

2° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA "G.G. BELLI"

La Scuola Media Statale "G.G. Belli" al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città, indice il secondo Concorso dialettale "G.G. Belli" riservato agli alunni della scuola dell' obbligo.


REGOLAMENTO

FINALITA'
Valorizzazione del dialetto, lingua d' uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua.

PARTECIPANTI
Alcuni classi terze, quarte e quinte delle scuole elementari statali della città di Roma, alunni della Scuola Media Belli.

MODALITA'
Le scuole partecipanti dovranno comunicare la loro adesione all' iniziativa entro il 20 febbraio ed inviare entro e non oltre il 20 marzo copia dattiloscritta o manoscritta di una poesia in dialetto romanesco a tema e a metro liberi.

SELEZIONE
Una commissione presieduta e nominata autonomamente dal Preside valuterà le poesie e a suo insindacabile giudizio proclamerà i vincitori ( tre per ogni categoria a livello di scuole).

PREMIAZIONE
Gli alunni vincitori saranno invitati con le rispettive classi alla cerimonia della premiazione che avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma, in sede e data data da definire.


Composizione della Giuria:
Presidente: Angelo De Vita

Membri:
Ferdinando Adornato, Stefano Bossi, Serena Dandini, Enrico Improta, Maurizio Mannoni, Barbara Palombelli, Lidia Ravera, Franco Schiavetto, Edward Steinberg, Marcello Teodonio
Coordinatore del concorso: Prof. Teodonio Pietro


1° premio assoluto(ex-aequo)

Er numero perfetto

Da tutto er monno è noto
pe' chiamasse tre,
ma a vorte te rovina
com' è successo a me.
Mi madre co' mi padre,
credennoce in 'sta cosa,
fecero tre bei fiji
compresa pure me.
Disgrazzia fu pe' loro!
Disgrazzia fu pe' me!
me so' trovata in mezzo
a 'sti du bei maschiacci;
dar granne pijo schiaffi
perchè se sa è er maggiore
e cià ott' anni in più;
dar piccolo pijo carci
perchè se sa è er cocco
e nun se pò toccà
a mamma e a papà.
'Sta poesia è 'n appello
pe' tutti i genitori:
er fijo pò esse brutto,
er fijo pò esse bello,
pò esse bionno, o bruno,
l' importante è che sia uno!


Motivazione:
un apparente dramma di vita famigliare tradisce un incelabile profondo affetto nei confronti degli altri componenti della cui vita è parte integrante.


1° premio assoluto (ex-equo)

La bija

Ce stava 'na vorta 'na bija
che rotolova giù da Marsija
e annò a finì ner mare
senza sapè notare.

Mentre affonnava la bija
se l' anghiottì 'na conchija
pe' diventà più de risarto
ner mare color de cobarto.

Ma è verde e rossa 'sta bija
e se vede lontano du' mija;
un semaforo sur fonno der mare
che tutti li gamberi stanno a guardare.

Motivazione:
la delicatezza delle immagini dimostra una sensibilità in grado di percepire la bellezza anche negli oggetti più comuni della vita di un ragazzo.


1° premio classi terze (ex aequo)

LA NUTELLA

Magnà la pasta è la passione mia;
spaghetti, tortijoni , penne e rigatoni
m' hanno fatto fà 'ste riflessioni:
c' è 'n' artra cosa bbona ancor de più
ch' io compro e manno sempre giù:
nella pizza o ner panino
piace a ogni regazzino
e se la pij a cucchiarate
te poi fà certe magnate!
De le moderne porcherie
la più bbona e la più bella
resta sempre la nutella.

Motivazione:
quasi uno spot pubblicitario per evidenziare, con gustosi tratteggi, le opposte passioni gastronomiche di una generazione educata al messaggio televisivo.


1° premio classi terze (ex aequo)

ADDIO AR " BELLI "

Ora io nun ho capito proprio bene
che d' è st' occupazzione e a chi conviene,
ma nun vedo l' ora d' annà alle superiori
pe' capì perchè stanno sempre fori
a giocà, ride, scherzà, magnà e fumà,
invece de sta dentro a lavorà.
Sarà 'n modo novo de fa scola,
ma a me me pare proprio na' sola.
Che poi 'mparà a cavacecio sur motorino
che nun sa già pure 'n ragazzino?
Me sa tanto ch' arimpiangerò le medie
dove stanno tutti a sede sulle sedie.
Me sa tanto ch' arimpiangerò li professori
che ce prepareno pure a diventà dottori.
Startr' anno invece de sgobbà
staremo tutti de fori a giocà
e nella vita che faremo nun se sa.


Motivazione:
Una visione malinconica del momento di abbandono della scuola dell' obbligo e del problema di una scelta non resa certo più agevole dalla realtà.


1° premio classi seconde

MA ER " BELLI " 'NDO STA

Me trovo ar centro de Piazza San Pietro
in mezzo a piccioni che volano 'n pace;
me gratto la testa, me vorto de dietro,
me sento 'n pò solo ma nun me dispiace.

Ma mò me ricordo che avevo da fà,
dovevo annà ar "Belli" , ma er "Belli" 'ndo stà?

Abbigna che chiedo a quarcuno gajardo
ed eccolo pronto, perfino istruito;
me dice: "costeggia le mura e ar largo
procedi sparato con passo spedito.

E poi prima a destra, poi sempre dritto
finchè nun arivi a 'n ber palazzetto".
E io m' avventuro così zitto zitto
e a quell' edificio ciarivo perfetto.

Si, mò me ricordo che avevo da fà:
dovevo annà ar "Belli" e er "Belli" sta qua.

Motivazione:
un viaggio tra il proprio pensiero e la realtà che mette in luce un sincero e profondo affetto per la propria scuola vista come una sorta di porto sicuro.


1° premio classi prime

A MA'

Aspetto er tram, è l' una e mezzo.
Pe' strada 'gni minuto passa 'n mezzo.
Arivo a casa mia ch' è già e quaranta,
la merenda a scola n' era mica tanta.

Sur tavolo de viveri addobbato
da te, co' tanta cura preparato,
a ma' famme trovà 'no stuzzichino:
non posso più campà con un panino!

La chiamo cor citofono ar portone.
Mo' sargo su e me sparo 'n ber piattone.
Apro la porta, la fame me se magna ....
io la saluto e subbito se lagna.

Francesco Settembre classe I B

Motivazione:
il quotidiano ritorno a casa in cui il ritmo incalzante rende bene l' aumentare della fame con il passare del tempo ed il finale evidenzia il gap generazionale.


premio speciale della scuola "ER CAPOCCIA"

LI PROFESSORI

Si devi dì 'na cosa ar professore,
devi d' arzà la mano e restà muto.
Ma hai voja ch' arzi ..... passano le ore
e nun te fa parlà manco 'n minuto.

L' antro giorno ar Belli, la mì scola,
un regazzino ha detto 'na parola
senza d' arzà la mano e er professore
s' è 'ncavolato proprio, era 'n terore .....

Dù giorni fa dù professori in classe
parlaveno tra loro de le tasse,
dei fatti loro de questo e de quello
mentre che un regazzino bello bello

chiedeva la parola a mano arzata .....
un quarto d' ora 'sta storia è durata!
Ma è giusto, dì? Nun ciavemo diritti?
Saremo condannati a stasse zitti?

Silvia Giordano classe I E

Motivazione:
uno spaccato della vita scolastica in cui la critica all' autorità e l'impeto di ribellione sono mantenuti nei giusti binari da uno spiccato senso dell' ironia.