anno scolastico 2004-05

12° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA

La Scuola Media Statale "G. G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il dodicesimo Concorso di Poesia Romanesca "G. G. Belli" riservato a tutti gli alunni delle Scuole Medie di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro il 19 Marzo 2005 componimenti scelti (dattiloscritti) in dialetto romanesco a tema e a metro liberi presso la nostra scuola. Ogni componimento redatto su carta intestata della scuola, deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore. Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della S.M.S. "G.G. Belli" con rappresentanti del Provveditorato agli Studi, del Comune di Roma e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio, proclamerà i vincitori per le classi: prima, seconda, terza ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 28 Aprile 2005 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof.ssa Maria Laura Calamida


La Giuria presieduta dal Dirigente Scolastico Prof.  Maria Laura Calamida è composta:



Pio Cerocchi 
Pino Deroma
Angelo De Vita
Carlo Gnetti
Marina Marino
Maurizio Pieri

Marcello Teodonio
Pietro Teodonio

 

 

I Premio Assoluto

ER DISCO ROTTO

 

Ce so’ giorni che la vita
pare tutta annà 'n salita,
manco m'arzo la matina
che mi madre là 'n cucina
già me grida:"So’ le otto!"
Pare proprio 'n disco rotto.
 
Alla scola nun ve dico
tanti matti da legà:
c'è chi spigne, chi s'arabbia
chi nun pensa che a magnà.
Certe vorte arzo la testa
che me sembra de sta male
e me chiedo: "Che è sta festa,
'sto tremendo carnevale!"
 
lo vorei annà a prenne 'n treno
che me faccia un pò sognà
che me porti ‘ndo la gente
nun ce pensa a 'mbroglià.
‘Ndo sò l' arberi e l' erbetta
e'n pezzetto de ‘sto cielo
che me dica: "A pupa bella,
questo azzurro è tutto vero!"
 
"Qui nessuno sta a discore
pe’ piacè o pe' sembrà,
nun importa che te metti,
serve solo de giocà.
Qui la morte nun te ruba,
nun te frega la malattia,
nun c'è odio, nun c'è guera
e abbasta la fantasia.”
 
Ma sto monno chi l'ha visto?
Chi me dà 'n ‘indicazione
p’arivà a 'sto paese
indove tutto è perfezione?
So' tant'anni che lo cerco
quanno m' arzo la matina
co' mi madre, er disco rotto,
che arigrida: "Sò le otto!".
  
Arianna Ciccarelli – 2^ N
S.M.S. “Stefanelli” - Roma

 

MOTIVAZIONE DELLA GIURIA

Il disco rotto è la voce della madre che ricorda l’ora: “So’ le otto”, è l’ora “d’annà a scola”, il tema più presente nelle poesie del nostro concorso, che qui Arianna svolge passando e ripassando dalla realtà al sogno. Un percorso che va dalla confusione dell’ingresso a scuola, ad un luogo immaginario di pace e di serenità, dove l’azzurro del cielo “è tutto vero”, e dove non ci sono malattia, odio e- altro tema frequentatissimo- la “guera”. Ma questo Paese della perfezione non esiste; è solo una illusione che si dissolve, come la poesia, nella voce che grida: “so’ le otto”; a ricordare quasi –come nei grandi componimenti – che nella vita siamo sempre un po’ in ritardo. E Arianna ce lo ricorda con il ritmo spiritoso delle sue giovani parole


 

II Premio Assoluto

 

LA VENDEMMIA
 
Viti piegate sotto er peso d'oro
de trecce da li grappoli maturi,
che dopo ‘n anno intero de lavoro
fatto de sagrifizzi li più duri
mo danno er premio ar bravo contadino
che già se fa er conteggio der bon vino.
 
Dentro la vigna è tutta 'na gran festa:
       canti e storneli in coro delle donne
       che co' li secchi pieni su' la testa
       sfileno dritte ar paro de colonne.
Ogni bigonzo pieno e ben pressato        ­
viè messo sopra ar carro, allineato.
 
       L' ommini stanno tutti affaccennati
ner pressà l'uva ne li recipienti,
mentre le donne in viaggi continuati
ariveno sur posto a passi lenti,
e in una variopinta fila indiana
ognuna vota er secchio e s'allontana.
 
Spoje der frutto,dopo, le filare
acquisteno un aspetto desolante
co' quele foje rinsecchite e chiare
che spiccheno tra er verde circostante.
La vigna mo, co' l'uva annata via
dà ‘n certo senzo de malinconia.
 
Ma quanno 'st'uva ariva ner tinello
e dopo schiacciata va nella botte
dove fermenta co' quer ritornello
der "glù - glù" de prospettive ghiotte,
co’ ‘na lavorazione rifinita,
diventa vino, Nettare de Vita.

 

Massimo Gherardini – 2^ B
Istituto Comprensivo di Ariccia

 

MOTIVAZIONE DELLA GIURIA

Massimo ha scritto una poesia realistica. Ha rappresentato in versi quello che ha visto nei dintorni della sua città, in quel “giardino alto” di Roma che sono “li Castelli”. Si parla di vendemmia e sembra di vederla questa festa antica della frutta e del vino che fanno la fortuna di quei terreni adagiati sui colli del grande e spento vulcano. C’è gioia, e immancabilmente anche un pizzico di malinconia nel vedere “le filare spoje de la vigna”, mentre l’uva fermenta e – rubando il verso ai futuristi – fa “ glù-glù”, per rinascere un giorno come vino. Metafora infinita della vita che sempre si rinnova.

III Premio Assoluto

 
ER DESIDERIO DE GIOACHINO

 

Dalle parti de piazza Sonnino
ce sta ‘na statua de Gioachino.
De cognome faceva Belli
un figo poeta de sonetti e stornelli.
 
E’ seduto collo sguardo attento,
mentre osserva la città in movimento.
“A Gioachì che pensi de Roma ogni giorno?”
“A regazzì, è mejo che te levi da torno!
Ho capito che te sei venuto a ispirà,
perciò va a casa e datte da fa’!
 
Er desiderio che più ardentemente vojo
è la festa ogni anno in Campidojo,
pe’ sentì nella sala de li Capoccioni
li pischelli che me fanno le imitazioni.”

 

Simone De Santis - 1° G
S.M.S.  “Alessandro Severo”

 

MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
 
Simone ha certamente un grande coraggio a prendere l’ispirazione direttamente dal sommo Gioacchino, visitato nella sua statua posta davanti a ponte Garibaldi, scocciandolo però. Al punto che “Peppe er tosto” divenuto per un momento la terza statua “parlante” dopo Pasquino e Marforio (ma chi so’? Ti chiederai), va per le spicce dicendo così: “levete de torno” e “va a casa a datte da fa’ “ per arrivare finalmente a questa festa di ogni anno “in Campidojo”. E ci sei arrivato, caro Simone. Bravo “pischello” in mezzo ai “capoccioni”, ma adesso non ti fermare.
 
Premio  "Roma"


VIA TRIONFALE

 
Pe' annà a scola arrivo a ‘na fermata
che se trova pe' na strada trafficata.
Come se chiama? E' la via Trionfale
e ogni giorno me ce sento male.
 
Poi contà li metri sui dar Campidoglio
e a falla tutti i giorni te ce voglio.
 
Chi sona er clacson a chi l' ha superato
chi ha bloccato l'incrocio: ha tamponato,
chi fa li gesti dietro ar finestrino.
a un ragazzo sopra a un motorino.
 
Questa strada me fa proprio tribolà
ma dietro ar vetro me metto a pensà:
chissà com'era sta via tanti anni fa ,
chi c'è passato pe’ sti posti qua?
 
Forse Cesare che tornava dall'Oriente
festeggiato a bordo strada dalla gente
che lanciava fiori ar vincitore
ritornato dalla guera trionfatore.
 
Sui cavalli generali e ‘mperatori
co' su la testa corone d ‘allori ,
dietro le truppe co' l'oro ne' forzieri
e a seguilli li schiavi e i prigionieri.
 
Torno ar presente: è passata mezzora,
ma st'auto è ferma, nun se move ancora;
che je dico ar professore in prima ora?
 
Pe’ corpa de 'sta strada domattina
me dovrò da svejà ancora prima,
ma qui…..ce so' passati i condottieri !
‘Sto sacrificio lo faccio volentieri
perché tutti li giorni in fonno ar core
‘sta via te fa sentì ’n imperatore.
Roberto Ciulla -3^ C
S.M.S. “P. Stefanelli” - Roma

 

MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
 
E’ proprio vero che a Roma non si cammina e che il tempo per andare a scuola si trasfigura in ispirazione e in sogno. E se poi si aggiunge il nome della strada dove il tempo si consuma, la fantasia, quella sì, può correre avanti e indietro nella storia. Via Trionfale, insomma, non si può percorrerla banalmente; anche quando si sta in fila per andare a scuola. E’ pur sempre la strada dove sono passati gli imperatori che venivano a raccogliere il trionfo per le loro imprese lontane e vittoriose, trascinandosi dietro forzieri pieni d’oro, schiavi e prigionieri. Poi dopo ci sono passati tanti altri e molti pure armati di cattive intenzioni contro Roma. Ma tu, Roberto, citi solo il buono della nostra storia. Giustamente. Come vincere sennò un premio intitolato a Roma?

 

 
CLASSI I

I Premio
 
TUTTO QUI

 

Vorei di’ a quer pischello della prima B
Che i suoi occhi me fanno impazzì,
quanno lo vedo divento tutta rossa
e nun riesco a fa’ manco ‘na mossa.
 
Nun m’esce nemmeno ‘na parola
e ‘n abbasterebbe certo una sola;
ma co’ ‘sto scritto gliela cerco da dì:
te vojo tanto bene: tutto qui.

 

Ester Mantero – 1^ G
S.M.S.  “Alessandro Severo”
Classi I
II Premio
 
FIJA UNICA
 
Quanno sei fija unica
voresti tanto
ave’ ‘n fratello o ‘na sorella,
ma quanno ce l’hai
preferiresti esse’ ‘n’orfanella.
 
Prima ero fija unica,
poi è nata mi’ sorella
e io…che ve lo dico a fa’,
me sarei sparata
co’ ‘na rivortella.
 
Jessica Belli - 1^ B
S. Secondaria Paritaria  “Virginia C. Bracelli”
Classi I
III Premio
 
ROMANIA: TERRA MIA
 
‘A terra mia
è la splendida e lontana Romania;
quanno sento parlà rumeno
me viè da pijà er primo treno.
 
Ciò voja de salutà nonna e cuginetti
che ho lassato soli e piccoletti;
poi me faccio coraggio e forza
er mi core diventa ‘na scorza.
 
Penso ai miei genitori
che in Romania nun trovavano lavori,
ma Roma co’ le braccia grandi
cià accolti tutti quanti.

 

Loredana Cozma
1^ G - S.M.S. “Alessandro Severo”

 

Classi II

I Premio
 
ER MISTERO
 
 
Lo scopo della vita è  l'esistenza,
chi te lo po' spiegà? Nessuno, mai.
Lo spirito segreto che tu ciai
è misterioso nella provenienza.
 
Se nasce, se vive e poi se more
co’ ‘n velo ner pensiero e ‘n artro ar core. . .
 
Supposizioni vaghe, sempre varie...
opinioni de filosofia,
sfoghi d'amore, de fantasia,
che in realtà so’ tutte immaginarie.
 
Teorie che ingombrano er pensiero
ma che nessuno sa mostratte er vero.
 
Er  fatto è che la morte ce spaventa,
benché pensamo che c'è n'artra vita,
che nun se sa come sia vestita,
e se l'anima rimane poi contenta.
 
Noi sì, ce incoraggiamo che c'è pace,
ma pare che morì a nessuno piace.
 
Ne l'occhi der destino so’ riposti
li  doni della vita e della morte,
co’ tutto quello che chiameno  sorte
dove mille misteri so’ niscosti:
 
sur destino fioriscono li fiori,
sur destino le gioie e li dolori.
 
Er Signore Dio:
la fine è l'inizio der  principio,
la luce è l'incanto della vita
godela prima che sia finita!
 
Jessica Silvi - classe 2^ B
Istituto Comprensivo di Ariccia
Classi II
II Premio
 
AMICIZIA
 
Ve pare bello ar monno sta’ da soli?
E nu’ scambià parola co' nessuno?
È come se a ‘na scala coi pioli
li levi tutti e ce ne lasci solo uno;
nun regge mica, nun serve proprio a gnente
così pure ognuno de noi cià bisogno della gente!
 
Ma fra tante persone, è normale,
pe' 'na semplice legge de natura, ­
trovà quarcuno che t'è più congegnale
pe’ creà quarcosa che ner tempo dura;
nun conviene annà a casaccio senza meta
dev'esse’ 'na cosa vera no fittizia
pe' certi verzi preziosa come seta:
'sta bella cosa è l' amicizia.
 
Salomone Silvia - 2^ B
S.M.S. “Nistri – Respighi”

Classi II
III Premio

INVERNO
 
Che malinconica serata!
 
Er camino riscalla la casa
le serande so' abbassate
le finestre so' chiuse.
 
Però se sentono uguale
le gocce de pioggia
che sbatteno su la ringhiera
 
Le macchine passeno
lungo la strada bagnata
e lassano pe’ l'aria 'no strano scricchiolio.
 
Poi er silenzio,
che te dà ‘n senso de tristezza
e de paura.

 

Angelo Di Ceglie - 2^ G
S.M.S.  “Salvo D'Acquisto

 

Classi III

I Premio
 L' INTEROGAZIONE
 
Ecco ariva er professore
già comincia a batte er core,
entra in classe e puntualmente
un rumore nun se sente!
Mamma mia, apre er registro,
chi sarà quer poro 'Cristo"
che fra poco, ormai se sa,
se dovrà fa ‘nteroga ?
 
Ce sarà un volontario
che me sarva dar "Carvario"?
Nun ho studiato, te pareva
è angosciante l' atmosfera!
Co’ lo sguardo tra li banchi
ormai semo tutti bianchi
nun  s’arenne er professore
co’ lo sguardo indagatore...
 
Poi, chi chiama voi sapè?
Alla fine proprio a me!
Che je vado a riccontà,
che m' invento mo, chissà. . .
Ma poi c'è la” Providenza"
è chiamato in presidenza,
m'è bastata la lezione. . .
sarta l' interogazione. ..
 
Da domani che se fa?
Me dovrò mette a studià! !

 

Valerio Volpi – 3^ C
I.C. “V.le Valente, 98” (ex Lorenzo il Magnifico)
 Classi III
II Premio
 
ER GATTO INFELICE
 
Un gatto sin da quando ch' era nato
nun conosceva strada né cortile,
isteso s'un divano, spaparacchiato,
viveva in una casa signorile.
 
A vedello così parea beato,
però a la notte er povero micione,
quanno sentiva er miagolio accorato
de 'na gattina piena de passione,
 
se disperava, povera bestiola,
smaniava pè trovà 'na via d'uscita,
ma s'era imprigionato pe’ la gola.
 
E se sentiva 'na ferita ar core,
aveva perso er mejo de la vita:
l'aria pura, la libertà, l'amore!!

 

Veronica Bona –  3^ A
S.M.S. “U. Nobile” – Ciampino (RM)
 Classi III
III Premio
 
GRANNI SPERANZE
 
La pupa bionderella,
se crede pure bella,
vo' fa la ballerina
dalla sera alla mattina   
 
Du' vorte ha ballato
cor maschio ’nnammorato,
colla  musica e la danza
cià fatto 'na speranza.
 
Se crede ‘na campiona
ma forse è solo bona
a fa que' quattro mosse,
a move solo le cosce.
 
Pe’ fa la letterina
oppure ‘na velina
nun ce vo’ ‘na scienza
ma solo la pazienza
de ‘ncontrà er produttore
de passacce ‘n po' de ore
e la sera in televisione
ci avremo er  tormentone.
 
Nella nostra società
ce vo' solo la bertà:
lo studio e la bravura
ce serve pe' curtura.
 
Si voi quarche speranza 
nun te butta’ nella danza
fa’ ‘na ritoccatina,
sbaja la parlantina,
ignorante sembrerai
e er posto troverai!

 

Silvia Trabalzini – classe 3^ A
S.M.S. “U. Nobile” –Ciampino (RM)