anno scolastico 2003-04

11° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA

La Scuola Media Statale "G. G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il sesto Concorso di Poesia Romanesca "G. G. Belli" riservato a tutti gli alunni delle Scuole Medie di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro il 20 Marzo 2004 componimenti scelti (dattiloscritti) in dialetto romanesco a tema e a metro liberi presso la nostra scuola. Ogni componimento redatto su carta intestata della scuola, deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore. Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della S.M.S. "G.G. Belli" con rappresentanti del Provveditorato agli Studi, del Comune di Roma e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio, proclamerà i vincitori per le classi: prima, seconda, terza ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 28 Aprile 2004 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.

IL PRESIDE
Prof.ssa Maria Laura Calamida


La Giuria presieduta dal Preside Prof. Maria Laura Calamida è composta:



Stefano Bossi
Pio Cerocchi 
Serapio Deroma
Angelo De Vita
Linda Giuva
Carlo Gnetti
Marina Marino

Marcello Teodonio
Pietro Teodonio

I Premio Assoluto

 

Guerre stellari

Disse er Sole alla Luna ‘n ber mattino:
"so’ anni che me stai a gira’ ‘ntorno
forze che ce stai a fa’ ‘n pensierino,
dato che so’ "caliento" come ‘n forno?"
Lei gelida rispose: "so’ offesa,
ma chi te credi da esse, porco monno
Fra me e te nun ce po’ esse ‘ntesa,
tu t’arzi quanno io moro de sonno!
Pòi tempestamme er cielo de pianeti
pòi regalamme Saturno e i suoi anelli,
i tuoi commenti so’ assai indiscreti
mejo de te ce ne stanno de più belli"
"Frena, frena, pischella,
nun te volevo certo fa’ arabbia’,
è corpa mia se so’ ‘na grande stella
e tutti godeno a fasse riscalla’?
Ho confuso er gira’ che tu me fai,
so’ abbituato a sta’ ar centro der monno!
Vor di’ che si te va me cercherai
e te darò quer che l’artre vonno!"

 

Margherita Usai 3 C
S.M.S. G.G. Belli

 

MOTIVAZIONE DELLA GIURIA

Una gustosa personalizzazione cosmica in questo dialogo tra il sole e la luna, metafora dell’eterna rincorsa tra maschile e femminile: gioco degli equivoci in una trama di dialogo in cui l’ultima parola stranamente resta al sole. Ed è la battuta finale di questo sonetto nel quale ancora una volta la lingua romanesca si mostra "aperta" alle figure moderne ed alla contaminazione dei linguaggi, fino al raggiungimento del neologismo. Scrivi ancora Margherita.

 

II Premio Assoluto

 

Le ore

Io l’ho chiesta ar professore,
ma quanto durano le ore?
 
Ner compito in classe, peresempio,
‘n’ora passa veloce come er vento.
 
Ma l’interogazione de italiano
dura più che anna’ a Milano,
 
e ner tempo de risolve er problema matematico,
me posso cucina’ pure er companatico.
 
Ma quanno stamo a gioca’ a pallone
er tempo vola come ‘n aquilone
 
pe’ nun parla’ de come è corta la ricreazione.
 
Allora professore, quanto durano le ore?
"Aho! Zitti e muti, ‘n’ora so’ sempre sessanta minuti".
 
 
Livia Montanaro
1 C - S.M.S. G.G. Belli

 

MOTIVAZIONE DELLA GIURIA

"‘n’ora passa veloce come er vento". Lo dice Livia pensando a come passa in fretta il tempo della ricreazione, al contrario delle altre che non passano mai. E così il componimento poetico nell’alternanza tra le ore brevi e quelle lunghe, nella sua freschezza giovanile, arriva dritto al cuore degli adulti. È vero, ha ragione Livia: "‘n’ora passa veloce come er vento".

 

 

Premio  "Roma" -
Ex aequo

 

Er lavoro moderno

Ieri l’artro so’ voluto anna’ ar colosseo,
perché nella vita mia c’è un neo.
Io so’ un "romano verace"
uno de quelli che a dillo je piace,
ma, me vergogno a fallo sape’.
Er colosseo dentro, non lo so’ mai annato a vede’.
E così pe’ ripara’ a ‘sta carenza
Zitto, zitto, come se dovessi fa’ ‘na penitenza,
me so’ infilato dentro ar simbolo de Roma.
Mentre er ponentino me spettinava la chioma
guardavo quei sassi antichi e maestosi,
e me immagginavo li romani festosi.
Ma all’improvviso me pare de sogna’:
sto Cesare vero qui che ce sta a fa?
Lo guardo e lo riguardo: era proprio lui,
cor gonnellino rosso, la corazza e li sandali sui.
E strillava pure quel grande imperatore,
che stava a di’, co’ tanto fervore?
Volete sape’ che diceva quer grande condottiero?
Diceva: "fateve ‘na foto co’ ‘n antico romano vero!!!"
Allora, ho subito capito: artro che imperatore!
Quello era solo ‘no squatrinato lavoratore.
 
 
 
Francesco Pinardi
1 E - S.M.S. Mommsen
 
 
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
E qui, nella scrittura di Francesco, il tema di Roma "caput mundi" si declina nella proiezione narrativa del "lavoro moderno". La fantasia di chi si maschera da antico romano è in sintonia con l’invenzione interpretativa del nostro piccolo poeta, il suo allegro racconto di stupore, nasconde qualcosa che tutti conosciamo: l’incertezza della vita. Ed è l’adesione spontanea e, quindi, vera alla grande tradizione poetica romana sospesa tra l’allegria e il dolore.

 

Premio "Roma" -
Ex aequo

 

Er cannone der Giannicolo

A Roma tutti li giorni de ‘sto monno
se sente un gran botto a mezzogiorno.
Pe’ chi nun è de qua, è ‘no spavento
Ma no pe’ noi, che ‘sto rumore ce l’avemo dentro,
perché ce serve solo a dì che er pranzo è pronto.
Chi è stato pupo a Roma lo sa bene
la nuvola de fumo e le campane
che segueno a quer corpo de cannone.
Pe’ me che ce so’ nata, la’ sotto a Borgo,
fa parte dei rumori della vita,
la vita cha ha levato a tanta gente
prima d’annà finì sopra a quer monte,
da ‘ndo se vede Roma, tutta quanta
che nu lo sente più, pe’ quanto è tanta…
 
 
Giulia Sarandrea
3 C - S.M.S. G.G. Belli
 
 
 
 
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
"Pe’ chi nun è de qua" – scrive Giulia – "er botto der cannone è ‘no spavento". "Ma – aggiunge – no pe’ noi". In quel pronome alla prima persona plurale, è racchiuso un grande sentimento: l’appartenenza alla vita della città trasporta nel centro del mondo. E, anche se non è vero, tutti, però, ci crediamo.

 

Premio "Roma" -
Ex aequo
 

A spasso pe’ Roma

Gira’ pe’ Roma è proprio ‘na delizia
Speciarmente co’ st’aria natalizia.
 
Cammino tra le vie de la città
E nun smetto ‘n minuto de guarda’
 
le vetrine, l’addobbi e pure i gatti
e chi pe’ forza te vò fa’ i ritratti.
 
Ce so’ persone de tutti li paesi
polacchi, filippini e giapponesi
 
francesi, nigeriani, americani
e ‘na gran quantità de tipi strani
 
che cantano, sonano, fanno i mimi
de fronte la Barcaccia der Bernini.
 
Giro contento co’ la mi’ famijia
In mezzo a ‘sto grande parapijia.
 
Pe’ piazza Navona me ne vado a spasso
E arivo ar Pantheon dopo quarche passo
 
Com’è bella la città dove so’ nato
Chi c’è venuto c’è pure ritornato.
 
Roberto Ciulla
2 C - S.M.S. P. Stefanelli
 
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
Roberto ci prende per mano portandoci a spasso per Roma. Con i suoi occhi e il suo stupore di ragazzo nel vortice di una vigilia di festa. Rumorosa e fantasiosa la città "nell’aria natalizia". La confusione che il poeta ermetico del dolore rifuggiva, diventa per Roberto il luogo della poesia. Coraggiosamente in una traslazione ideale di nomi e di luoghi, nell’unicità irripetibile di questa nostra città.

 

Premio "Roma" -
Ex aequo

 

L’inglese

Da ‘n po’ d’anni a ‘sta parte l’umanità
che gira ‘n lungo e ‘n largo er monno
pe’ potesse capi’ ner profondo
la lingua ‘nglese s’è messa a studia’.
 
Ma me sconforta, a me che so’ romana,
che pe’ ‘er cinese, er greco e l’argerino,
ormai lo "snecche" significa spuntino
e che "vichende" chiude la settimana.
 
A scola i prof ce dicheno: "studiate!
Tutti st’inglese dovemo parla’,
è la lingua de ‘sta globbalità,
de scuse è mejo che nun ne trovate!"
 
Ma a me mme piace e vojo da parla’
co’ ‘sto dialetto, che pe’ me è poesia,
a casa, a scola e co’ l’amichi mia,
senza di’ "okkey" vojo comunica’!
 
 
Margherita Usai
3 C - S.M.S. G.G. Belli

 

Premio classi III 
Ex aequo

 

Du’ leoni allo zoo

Er leone dice alla leonessa:
Anvedi quello che ce guarda fisso
co' du' occhi spalancati e la bocca aperta!
Nun me piace quer tipo proprio pe' gnente
Pe' me nun cià bone intenzioni.
T’ho detto e ridetto de nun fa la smorfiosa
co' tutti 'sti malintenzionati d'oggi.
Chiudi bene la gabbia damme retta
che dell'omo nun ce se po' fidà.
È l'unico che ammazza pure si nun vo' magnà.
 
 
 
Chiara Mancini
3 A - S.M.S. Esopo

 

Premio classi III 
Ex aequo

 

Chiacchiere mute

La comunicazione
Piano piano
Sta a sparì
Dalla circolazione.
Colla scusa
De li mezzi telematici
Stamo a diventà
Troppo fanatici.
Se vòi parlà de li tuoi umori
Allora si
Che so’ dolori!
Er primo che ce rimette
È er cervello:
si nun lo fai lavorà
s’arrugginisce pure quello…
ma come s’ha da fa?
A casa nun se po’
Proprio parlà!
Come la mettemo
Colla televisione
Che rubba
Er dialogo e le persone?
Quanno entro a casa
Coll’aria der monello,
nun posso mai parlà
né de questo
né de quello.
"Mamma t’ho da di’…
‘na cosa bella!"
"Sta zitto, nun parlà
vedi che la televisione
stamo a guardà!"
"So’ ritornato…
co’ ‘na notizia de scola!
Te vorei di’ ‘na parola sola!"
E tutti ‘n coro risponneno:
"Sta zitto, la notizia vola."
"Ma pe’ ‘na vorta
ch’ero studiato…"
"Nun ce provà:
Sta muto,
nun fa ‘n fiato!"
E si vojo parlà
de quello che sento,
subito s’arza
un nervoso lamento.
Allora zitto zitto
m’allontano,
speranno che
quarcuno
me senta pure piano.
 
Marco Vitelli
3 B - I.C. Via Strada Nuova – Ariccia

 

Premio classi III 
Ex aequo

 

Me piace annà in bicicletta

Ar giorno d’oggi tutti correno in fretta
A me invece me piace d’annà in bicicletta.
Morte vorte quanno giro pe’ Roma,
c’è sempre dietro quarcuno che sona:
allora je faccio un segno colla mano
pe’ diglie d’annà……… un poco più piano.
Ma non sempre er mio caro invito
Viene da tutti ben recepito:
‘na vorta, infatti, un tipo coi baffi
me voleva riempì la faccia de schiaffi!!!
 
 
Simone Luberti
3 E - S.M.S. "Via Alessandro Severo"

 

Premio classi III 
Ex aequo

 

Parole d’amore
 
Ma ch’è stato? Ch’è successo?
Dicheno ch’er Papa s’è sconnesso
Perché s’è messo a parlà in dialetto!
E che mo lo giudicamo pe’ un detto?
E chi so’ st’imbecilli
Che vonno dettà legge colli strilli?
Le parole che ce danno l’amore
Le poi dì in che lingua te pare
Basta che te fanno batte er core!
 
 
Lucia D’Amato
3 C - I.C. Vigna Pia

 

 

Premio classi III 
Ex aequo

 

L’oro nero
 
Sei nero come la pece
e la morte che in nome tuo se fece,
 
de riserve ce ne so’ un po’ poche
e prima o poi le luci se faranno fioche,
 
se combatte pe’ le scorte
e so’ guerre nate storte,
 
stai nelli deserti dei mussurmani
che s’arrabbieno co’ chi ce vo’ mette le mani,
 
ne fanno ‘na storia de religioni:
me è solo un fatto de ladroni.
 
A causa tua er monno è ‘n atterito spettatore
e sta a guardà e trema a tutte l’ore.
 
 
 
Matteo Scialanga
3 A - S.M.S. Esopo

 

Premio classi III 
Ex aequo

 

Er mago
 
L’omo ormai ha pure creato
La moda magica der surgelato.
Co’ la storia
De li piatti pronti
Nun se sconfigge più,
nun teme confronti.
Er mago previdente
Congela tutto velocemente.
Quanno nun c’è tempo
E voja de fa gnente
Prendi ‘na busta
E accontenti tutti rapidamente.
Er tempo se risparmia,
e a cena nessuno se lagna.
Ma se ce pensi bene:
la salute ne paga le pene.
Ma che ce volemo fa?
Der surgelato ormai,
nun ce potemo più liberà.
In mezzo a tanti onori
cià privato perfino dell’antichi sapori.
 
Fabiana Zamparini
3 B - I.C. Strada Nuova – Ariccia

 

 

Premio classi II
Ex aequo

 

La scola stramba
 
In un paese nemmanco lontano
Ce sta la scola de S. Damiano.
È ‘na scola un sacco stramba,
ma ce và la gente in gamba.
Li professori so’ brave persone
So’ le alunne che nun so’ bone,
urleno qua, vanno de là…
nun se sa più
dove annalle a pijà.
L’alunni invece so’ bravi regazzi
Anche se a vorte sembrano pazzi.
Ancora peggio so’ li bidelli,
dormono er giorno su li sgabelli.
Er preside sembra Minosse:
quando sbaji te scava le fosse.
Poi ce so’ le segretarie
Che, sempre truccate, se danno le arie.
Si in giro t’hanno sorpreso,
da Minosse sarai sospeso.
Inzomma, nun se po’ dì
Ch’è ne scola normale…
Ma nun è nemmeno tanto male,
è la scola d’ogni giorno
che devi affrontà…
PE’ LEVATTELA DE TORNO!!!
 
 
Miriam De Cerce
2 A - I.C. D. Purificato

 

Premio classi II
Ex aequo

 

Questione de razza
 
Che cane buffo! E dove l’hai trovato?
Er vecchio me rispose: È brutto assai!
Ma nun me lascia mai: s’è affezionato.
L’unica compagnia che m’è rimasta,
fra tanti amici, è ‘sto lupetto nero:
che nun è de razza è vero.
Io nun faccio questioni de colore:
l’azioni bone e belle
vengheno su dar core
sotto qualunque pelle.
 
 
 
Rosaria Lomanno
2 B - I.C. E. De Filippo – Colleverde

 

 

Premio classi II
Ex aequo

 

Er presepe de mi’ nonno
 
Quanno je gira veramente bene
e lascia perde quer dolore al rene,
mi’ nonno, nonostante li malanni,
nasconne bene i suoi settantott’anni.
 
Allora che s’avvicinano le feste
chiude la porta e sbarra le finestre.
In gran segreto, dentro ‘na stanzetta,
pensa, ripensa, studia e poi progetta.
 
Nasce così, e poi tutti lo vonno,
er famoso presepe de mi’ nonno.
A guardallo bene ce vorrebbe un anno
tante so’ le cose che ce stanno.
 
Cià le casette colle finestrelle
e l’ovile co’ le pecorelle.
Dalli scalini scenneno i pastori
che se mischieno colli gran signori.
 
Er pizzarolo n’ha impastate tante
er forno cià la luce tremolante.
E nonno, poi, pe’ prenne tutti in giro
cià scritto sopra "vieni qui da Ciro".
 
Ar mercato è arrivato er pescatore
che urla come fosse un gran tenore.
Er macellaro taja le fettina,
er contadino mostra le zucchine.
 
Er pecoraro vende la ricotta
Mentre li Magi arrivano alla grotta
inseguendo una splendida cometa
hanno raggiunto infine la loro meta.
 
C’è un bagliore de luci sulla grotta
e dentro ‘na mangiatoia tutta rotta.
Li vicino er bue e l’asinello
fanno calore a un bimbo tanto bello.
 
C’è Giuseppe colla Madonnina
che stanno a rimirà la creaturina.
Steso sopra quel piccolo lettino
c’è proprio lui: Gesù bambino!
 
 
Francesco Bastia
2 C - S.M.S. Settembrini

 

Premio classi I
Ex aequo

 

Er mare

Facevo er bagno ar mare de Lavinio,
abbassato a carponi colla schina,
e pescavo ogni tanto ‘na tellina
che magnavo a l’istante, là per là,
seguitanno a passà a mano ar fonno
vado a intruppà ‘na bella fede d’oro!
Co’ li nomi e la data de coloro
che in Chiesa, Dio consacrò.
La fede era de donna, e se chiamava…
è mejo nun dillo, perché cor nome,
lo po’ sapè er marito e chissà come
in certi casi lui la po’ pensà.
È ‘na fede perduta, e quanto al resto,
se po’ pensà, che su la rena, ar mare,
se ponno perde tante fedi care…
senza volello, in tanta libbertà…
 
 
 
Jessica Silvi
I B - I.C. di Ariccia

 

 


Premio classi I
Ex aequo

 

Li micetti

Li micetti miei so’ sortanto sei
ma so’ io quanti ne vorrei…
 
Tutto è cominciato co’ nonna Pierina
che mi’ zio ha raccorto quann’era piccolina.
 
Pe’ ripagacce de l’ospitalità,
s’è fatta ‘na famija cor nobile Pascià
 
Così cià regalato tutti ‘sti micetti
e mi madre m’ha detto: "e mo ‘ndo li metti?"
 
J’ho risposto: "ma che problema fa?
Nun vedi er posto che ce sta?"
 
E mo, ner giardino de casa mia,
ciò ‘n’intera dinastia!
 
Er preferito è Soriso, un micio davero sopraffino
dalla pelliccia bianca e l’occhio turchino!
 
Er più piccolo è ‘na vera peste
Se lo piji nun te fa manco le feste.
 
Si sei proprio fortunato e te capita de passà
mentre c’è ‘n’adunata de famija, nun te n’anna’;
 
stattene lì e mettite a medità
quanto poco ce vo’ p’ave’ ‘na gran felicità!
 
 
 
Simone Tozzi
1 E - S.M.S. G.G. Belli
 
Premio classi I
Ex aequo

 

La scola

A ma’
io a scola n’ ce vojo annà.
Nun se sopportano li professori,
noi semo solo pori scolari
tocca annà fino a laggiù
e io li compiti nun li vojo fa più.
Gnente storia e giografia
itajano e giometria
co’ la penna e la matita
ce stanno a rovinà la vita.
Vojo annà a li giardinetti
a magnamme li cornetti.
Che ce mporta de sapè
come è morto puro er Re!
Mi madre strilla "me so’ stufata"
Se ricomincia ‘n’antra giornata!!!

 

Flaminia Volponi
1 C - S.M.S. Moscati

 

 

 

 

POESIE SEGNALATE