anno scolastico 2002-03

10° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA

La Scuola Media Statale "G.G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il sesto Concorso di Poesia Romanesca "G. G. Belli" riservato a tutti gli alunni delle Scuole Medie di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro il 13 Marzo 2002 componimenti scelti (dattiloscritti) in dialetto romanesco a tema e a metro liberi presso la nostra scuola. Ogni componimento redatto su carta intestata della scuola, deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore.Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della S.M.S. "G.G. Belli" con rappresentanti del Provveditorato agli Studi, del Comune di Roma e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio, proclamerà i vincitori per le classi: prima, seconda, terza ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 28 Aprile 2002 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.

IL PRESIDE
Prof.ssa Carla Ghinami


La Giuria presieduta dal Preside Prof. Carla Ghinami è composta:


Coordinatore del Concorso Prof. Pietro Teodonio
Stefano Bossi
Pio Cerocchi 
Serapio De Roma
Angelo De Vita
Linda Giuva
Carlo Gnetti
Marina Marino

Susanna Mazzà 
Marcello Teodonio

I Premio Assoluto

 

ZECCA O PARIOLA?  (a mamma)

 

Zecca o Pariola? Si nun hai capito
allora nun sai gnente de tu fija
nun la conosci l’ansia che ce pija
l’ore e l’ore a specchiacce cor vestito
 
Sei Zecca? Allora vai a comprà a via Sannio,
carzoni militari, magnum, kefija
cappotto dritto, gonne senza piega
soriso da ‘mpunita, senza sbaijo
 
Sei Pariola? Te vesti da Versace dall’asilo;
capello fatto, viso sempre in tiro
du’ zompi ar Gilda perché è quello er giro
tutto firmato, perle dentro ar filo
 
Ar corteo der G-otto co’ l’amici de scola
Un tutffo a Fregene, poi a ‘na festa
Inzomma, a ma’, ‘ndo ce l’hai la testa?
È facile capì Zecca e Pariola
 
Pariola o Zecca? Quattro fregnacce o ‘na scerta de vita?
Ce penzi, opi ce ridi, c’hai er rovello
ma che c’avrà mi fija ner cervello?
A ma’, lo dico come fossi amica: si nun sai gnente fattela finita

 

 

Flaminia Gressi 3 C

S.M.S. BELLI


MOTIVAZIONE DELLA GIURIA:

Il premio a questa poesia è il riconoscimento ad una intuizione arguta e gradevole che svela agli adulti le appartenenze culturali ed emozionali dei giovani. La forma “romanesca” è avveduta e ben curata, mentre la chiusa “apre” l’arguzia delle forme all’ingenuità della giovinezza. Lo sappiamo “de nun sape’ gnente”. Il trucco è tutto in questa finzione. Reciproca


 

II Premio Assoluto

 

LA GALLERIA BORGHESE

 

La galleria Borghese è ‘n palazzo granne e bianco
quanno c’entri magari te senti riposato
ma t’assicuro che poi esci assai stanco.
Te fanno vedè quadri e sculture famosi,
de artisti italiani de cui annà orgogliosi.
Là dentro tanto c’è da camminà
ce so’ sedie ma nun se ponno usà.
Insomma è tutt’un po’ ‘na fregatura
ma questo e artro se fa pe’ la curtura.

 

 

Beatrice Palazzoni 3 C

S.M.S. SETTEMBRINI

 

Premio Speciale "La Pace" -
Ex aequo
ER PAPA DE LI ROMANI
 
Er Papa è nostro,
all’artri je lo prestamo.
Scusate l’egoismo,
ma de mente semo sani:
er Papa più de tutti
è de li Romani!
 
Ammazza ‘sto polacco quant’è forte:
butta giù li muri senza botte.
Le botte de le bombe so’ tremende,
ma le scosse der Papa nostro
nun fanno male,
so’ come quelle de mamma mia
che te ‘mpareno a campa’.
 
Io ciò solo dodicianni;
ma dico a Busce, all’Iracheni e all’Europei:
dateje retta ar Papa pe’ cent’anni!
 
 
 

Stefano Sancamillo 1 A

SCUOLA MEDIA VIRGINIA C. BRACELLI

 

Premio Speciale "La Pace" -
Ex aequo

LA GUERRA E LA PACE

Io credo che ‘n grande dolore
‘n se possa esprime a parole:
le lacrime che scenneno lente
sur viso de ‘na donna dolente
che tiene premuto sur petto
un omo… oddio ‘n giovanetto
co’ lo sguardo ormai fisso ner voto.
Macerie de case distrutte
da bombe così maledette
che omini, anzi animali
costruischeno pe’ fini bestiali.
E la pace?
È solo ‘n sogno che tace.

 

 Cecilia Lenzirini 1 B

S.M.S. E. DE FILIPPO - ROMA

Premio Speciale "La Pace" -
Ex aequo
 

CONFUSIONE

Se vive nella confusione, nella paura, nell’incertezza,
alla ricerca de un motivo de contentezza.
 
La TV, la radio, li giornali,
fanno a gara pe’ racconta’ li mali.
 
Semo tutti turbati, straniti, preoccupati,
ma nun famo gnente pe’ nun esse arrabbiati.
Solo ‘n omo vecchio, malato e piegato
ce l’ha più volte spiegato,
 
pe’ sta tutti bene ar monno c’è ‘na fomula audace
e se pronuncia PACE.
 
Quell’omo è er Papa, e sarà Santo
uno che per monno ha fatto e detto tanto.
 
 

Matteo Scialanga 2 A

S.M.S. ESOPO

Premio Speciale "La Pace" -
Ex aequo

 

NO WAR (NO GUERA)

Ora ortre a la fame
ce sta er problema der catrame
ora ortre ar colera
ce sta puro ‘na guera
che sconvergerà tutta ‘sta sfera
che se chiama pianeta tera
tutti vonno la benza
usanno la violenza.
Chissà si domani tornerà er sereno
co ‘na bandiera arcobaleno
colorata de pace e de amore
che starà pe’ sempre in ogni core!!
 

Daniele Letizia e Leandro Cristofaro 3 C

I.C. D. PURIFICATO

Premio Speciale "L' Ambiente" -
Ex aequo

ER MARE

Carmo o mosso ch’esso sia
È ‘n parente de casa mia.
Ha ‘n amica assai carina
Che se chiama Sabbiolina.
Ogni vorta che è arrabbiato
Se ne magna un pochettino.
Daje oggi e dai domani
Finiremo senza lido.
A noi ce piace immensamente
Facce er bagno allegramente
Ner salato de ‘sto mare
Mi parente caro caro.

 

Roberta Aliberti 1 F

S.M.S. CAIO DUILIO

Premio Speciale "L'Ambiente" -
Ex aequo

LA NEVE

Su le case e su le strade
tutto è bianco come er latte
su li tetti e su li rami
che merletti!... che ricami!...
tutti quanti so’ felici
ner vede’ sta cosa rara
pure i bimbi so’ felici
e se pijano a palloccate,
fanno pure un gran pupazzo
tutto er giorno allegramente
senza quasi penza’ a niente.
 

Andrea Scacco 1 A

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN CESAREO - ROMA

Premio Speciale "L'Ambiente" -
Ex aequo

 

ER MARE

Quanno è mattino er sole lo colora
De ‘na striscia rossa a bon’ora.
Su li scogli se schianteno
Le onde come se a loro volessero risponne.
Turchese, azzurro, verde, quanno vedi er mare
Su lui ogni sguardo se perde.
Er sole dietro ar mare se nisconne al tramonto
Ma a ritorna’, la mattina dopo è già pronto.

 

 Gaia De Rosas 2 B

S.M.S. CAIO DUILIO

Premio Speciale "L'Ambiente" -
Ex aequo

 

ER PROFUMO

Povero me
so finito de campà,
hanno deciso:
me vonno ammazzà,
manco ‘n’antra alba
me fanno guardà.
M’hanno arrostito,
so diventato ‘n antro mito.
Er profumo mio
se sente da lontano
e l’aria se lo ruba
co’ la mano.
Ma che ce posso fa?
‘Sti aricciaroli
so’ de bocca buona
e sanno
che de porchetta come me
ce n’è una sola.
 

Marco Vitelli 2 B

I.C. ARICCIA

Premio Classi prime - Ex aequo

 

LA SCOLA

La scola: ‘na cosa meravijosa
ma quarche vorta un po’ noiosa
 
Fra tanti professori intransigenti
ce so’ quelli davero divertenti
 
C’è quella che rassomija a l’ortica
ma se ce parli, se rivela amica
 
Quelli che nun sopportano l’anarchia
quelli che hanno solo quarche mania
 
Se credono da esse’ assai spiritosi
me sembrano parecchio permalosi
 
Er mejo momento: la ricreazzione
c’è permessa un po’ d’aggitazzione
 
L’ora passa, me scappa ‘no sbadijo
m’annisconno come un povero fijo
 
Me domanno se co’ st’irriverenza
a quarchiduno nun je scappa la… pazzienza!

 

Tommaso Pozzebon 1 H

S.M.S. LEONARDO DA VINCI - ROMA

 

Premio Classi prime - Ex aequo

 

ER MONNO

Er monno è pieno de perzone
ce sta er magro, er grassone,
chi c’ha tutto, chi nun c’ha gnente
questo è er brutto de la gente
c’è chi dorme pe’ strada
c’è chi veste solo "Prada"
c’è chi ammazza e fa la guera
solo pe’ ‘n pezzo de tera.
Ma purtroppo questa è la vita
anche se nun l’ho capita
spero che chi sta ar potere
co’ la pace e co’ l’amore
renda er monno ‘n po’ mijore.

 

Paolo Petronelli 1 A

S.M.S. DON MOROSINI

 

Premio Classi prime - Ex aequo

 

MI’ SORELLA
 
La sera prima d’anna’ a dormi’
spero che l’umore de mi’ sorella
domani sarà mejo de ‘sto dì.
Ma quanno s’arza a la mattina
è sempre peggio der giorno prima!
Frigna perché nun vole magna’
e a scola poi nun ce vole anna’;
ma a quer punto nun deve fa’ la matta,
perché mi’ padre sta pronto lì co’ la ciavatta!
Esce tutta scamiciata
che somija a ‘na carcerata.
Nun guarda nessuno,
è tutta ‘mbronciata:
‘ncomincia proprio bene la giornata!

 

Serena Semprini 1 A

S.M. VIRGINIA C. BRACELLI

 

Premio Classi prime - Ex aequo

 

LE RICETTE DE MI’ NONNA
 
Mi’ nonna, è ‘na nonna assai speciale:
nun è de quelle che fanno li semolini,
o li sformati de riso e li budini.
Mi’ nonna cucina saporito,
nun segue la moda der momento:
pe’ lei li congelati so’ ‘n tormento.
Li coloranti e li conservanti
so’ ancora parola sconosciuta.
Lei usa solo l’ajo e la cipolla,
abbonda coll’ojo e cor pecorino
perché dev’esse tutto genuino.
La dieta pe’ lei è ‘na parola oscura,
che solo a sentilla ja fa paura.
Mi’ nonna è ‘na nonna assai speciale
e le ricette sua so’ tale e quale.
 

Gilberto De Giusti 1 A

S.M.S. S. BENEDETTO


 

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

SEMO RAGAZZI…

Semo ragazzi
Semo studenti
Semo ‘na banda de ripetenti
Nun ce piace l’italiano
Ma studiamo er romano.
Semo mori
Semo biondi
Semo i mejo de ‘sti mondi!!
Famo casino
Famo baldoria
E chi se ne frega della storia!!

 

Ilaria Camerini 2 C

SCUOLA MEDIA MOSCATI

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

LA PAURA
 
Mammina, guarda quante stelle!
Ma le piante so’ aggrovigliate e me spaventano!
L’ombre nostre ce seguono piano,
mamma, ‘ndò stai? Pijame pe’ mano!
 
‘No sconosciuto ce ‘nsegue nasconnendose come pe’ facce spavento!
Ma no, e er vento,
vero mammina? È er vento.
 
Le stelle parono lucciole lontane lontane
e a vorte rassomiglieno a delle carovane,
sperdute ner cielo bujo.
Ma nell’ardilà
che cosa ce sarà?
Mammina, pijame pe’ mano!

 

Ingrid Zarrilli 2 D

I.C. VIA MARIO RIGAMONTI


Premio Classi seconde - Ex aequo

 

AR VERDE
 
Er verde è naturale, ‘sto colore
T’entra dritto dentro ar core.
Lo trovi sempre dappertutto,
c’è in ‘sto prato bell’asciutto
e nella chioma de ‘st’alberello.
Ma non è sempre così bello,
basta aprì er mio portamonete,
guardà bene, riflettete!
Pe’ scoprì er significato
De ‘sto colore assai sfigato.
 
 
Marcello Di Trocchio 2 C
S.M.S. BELLI

 

 

 

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

LE AMICHE

Du’ amiche de la mejo borghesia,
un giorno s’arincontreno e Maria
domanna all’antra co’ n’arietta strana:
-Me sbajo o te va larga la sottana?
E la risposta nun se fa aspetta’:
-Ma è pe’ via de la dieta che sto a fa’!
-Lo vedo infatti che te sei smagrita,
j’arisponne l’amica indispettita,
-ma nun lo sai che l’omo vo’ la donna
co’ le curve che j’empieno la gonna?
-Sarà come me dici cocca bella,
ma tu perché sei ancora ‘na zitella?

 

Giulia Morsellino 2 A
S.M.S. ESOPO

Premio Classi terze- Ex aequo

 

LA CLASSE MIA
 
La classe mia è strana assai,
li compagni miei nun scorderò mai,
tre caciaroni se ne so' annati
ma antri due so' arivati.
La classe mia è internazionale
Juventini, Romanisti e un Laziale,
antri venivano da Moldavia e Romania
e dar Bangladesh che nun è vicino a casa mia.
Quest'anno n'è arivato ‘n antro:
Eros er simpaticone,
è più grande de noi
ma è un sacco caciarone.
Pure se semo grandi
ce chiama a tutti ragazzini
da i più spilungoni ai più piccolini.
La classe mia è strana assai,
li compagni miei nun scorderò mai,
anche se quarche vorta litigamo tra de noi
se volemo bene e rimanemo amiconi.
 
 
 
Fabrizio DeBemardinis e Giulia Cruciani 3 B
S.M.S. SAN BENEDETTO

Premio Classi terze - Ex aequo

 
ER VIRUS STAGGIONALE
 
De certo, dell’influenza,
forse stavo mejo senza
la volevo pe’ zompa’ scola
me so’ beccato ‘na bella sola
 
Quest’anno è peggio che mai,
e ma rovinato assai!
Nun è mica er virus normale
co’ sta febbre cori all’ospedale
 
De magna’ er riso in bianco
ce devi crede, so’ proprio stanco
co’ sta panza che me fa male
 
Mo che arriva er carnevale,
‘nvece da anna’ a ‘na festa
cocio l’ova su la testa
 
 
 
Matteo Falessi 3 C
S.M.S. LUIGI SETTEMBRINI
Premio Classi terze - Ex aequo

 

LA LIBBERAZZIONE

 

Quarcuno, a legge er titolo, po' pensa' che sta' poesia è sur 25 aprile
Ma nun sa' ch'io parlo de la fine de la scola.
E già, l'urtimo giorno è 'na vera libberazzione.
È tarmente bello, ch'è felice pure er più secchione.
 
Quer giorno nun se fa gniente, è tutta 'na festa,
e solo le vacanze me passeno pe' la testa:
er sole, er cardo, er mare, l'amici...
 
Aho!! È l'una e mezza, ecco la campanella che sona,
pure er più timido de noi se gasa,
perché mo se n'annamo tutti a casa:
arrivederci cara scola mia!!
 
 
 
Francesco Paoletti 3 A
S.M.S. SAN BENEDETTO
 

POESIE SEGNALATE