anno scolastico 2001-02

7° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA

La Scuola Media Statale "G.G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il sesto Concorso di Poesia Romanesca "G. G. Belli" riservato a tutti gli alunni delle Scuole Medie di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro il 13 Marzo 2001 componimenti scelti (dattiloscritti) in dialetto romanesco a tema e a metro liberi presso la nostra scuola. Ogni componimento redatto su carta intestata della scuola, deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore.Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della S.M.S. "G.G. Belli" con rappresentanti del Provveditorato agli Studi, del Comune di Roma e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio, proclamerà i vincitori per le classi: prima, seconda, terza ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 28 Aprile 2000 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.

IL PRESIDE
Prof. Angelo De Vita


La Giuria presieduta dal Preside Prof. Angelo De Vita è composta:

Provveditore agli Studi di Roma Prof. Paolo Norcia
Assessore alle politiche Educative del Comune di Roma Dott.ssa Fiorella Farinelli
Coordinatore del Concorso Prof. Pietro Teodonio
Stefano Bossi
Pio Cerocchi
Sergio Di Giulio
Carlo Gnetti
Domenico Gilio
Emanuela Lorenzetti
Marina Marino
Gino Massullo
Sandro Medici
Franco Schiavetto
Marcello Teodonio

Primo Premio Assoluto - Ex aequo

 

AMORE PE' LE BESTIE

Un cane sta abbajanno: l'ha centrato
'na pallata tirata co' destrezza;
accorre la padrona e l'accarezza,
povero cane, è tutto frastornato.

Lo bacia con amore e tenerezza,
lo consola finchè nun s'è carmato;
er cane, che se sente rinfrancato,
la lecca e se la guarda co' dorcezza.

Intanto un'orfanella s'è fermata
e segue quelle mosse così umane,
cià l'anima gentile e delicata.

La chiamano l'amiche ormai lontane,
ma lei rimane lì come incantata,
co' du' perline a l'occhi: invidia er cane!

Micaela Fiorillo 2 C
S.M.S. Settembrini

Motivazione della giuria:

un componimento poetico teso al paradosso finale che rivela però un forte impegno morale. Tutto si svolge secondo una corretta modulazione formale e con una ricerca rigorosa della peculiarità di un romanesco a metà strada tra la tradizione e la modernità.

Premio Classi prime - Ex aequo

 

Er somaro

Co' la soma sulla groppa, lentamente,
'n somarello, sempre assai sudato,
'n porcile rasentava giornalmente,
oramai a quel lavoro rassegnato.

-Sei proprio 'na bestia da fatica;-
ner fango sdraiato er porco lo schernì
-la sorte, 'nvece, a me amica,
ha riservato ozi notti e dì.-

-aaa...- stracco, rajò appena er somarello
vortannoje le recchie - Sur mio dorso
porto li quarti che furono de quello,
che dar tuo fango grugniva l'anno scorso.-

Marco Mari 1 B
I.C. Montecelio

Premio Classi prime - Ex aequo

 

La I media

Sto seduta davanti alla scrivania
e me fuma er cervello pe' lo sforzo
perché devo comporre 'na poesia
che me possa fa vince 'sto "concorzo".

Fin' adesso me so' sempre limitata
a imparalli a memoria 'sti versetti
ma la situazione è bella che cambiata
so' io compositrice de sonetti.

Der Belli faccio parte da quest'anno.
Che paura ciavevo er primo dì:
m'aspettavo tre anni co' l'affanno
però me vojo pure divertì.

Per ora me la spasso co' l'amici,
coi professori è tutta pappa e ciccia
'sta prima C me piace. Che ne dici?
È come i broccoli e la sarciccia!

Margherita Usai 1 C
S.M.S. Belli

Premio Classi prime - Ex aequo

 

ER CIUPA CIUPA

Nun c'è rimedio contro la tristezza,
ma 'sta palletta te può aiuta',
si te la magni, toglie l'amarezza,
pe' quello che stai a pensa'.
Io l'ho portata l'altra sera a spasso
A Piazza Bocca della Verità,
e m'è venuta 'n'ispirazione:
forse la bocca la vo' assaggia'!
jiel'ho allungata pe' 'na leccatina,
e quella subito se l'è magnata.
Poi m'ha rivolto 'na parola vera
(pe' niente è la bocca della verità):
"So' dumilanni che stavo a aspetta'
de rifamme la bocca co' 'sta bontà!

Marta De Chiara 1 B
S.M.S. Belli

Premio Classi prime - Ex aequo

 

ER REGAZZINO E ER CANE

Un regazzino passeggiando dentro un parco
vide 'n cane affamato e sporco
er regazzino stava a magna' la pizza
er cane lo guardava co' tristezza
movenno la coda co' lentezza.
Er regazzino se disse: "Me fa pena!
'Sto cane sta a panza vota e io l'ho piena.
Tho! Magna anche tu mio ber cagnone,
perché t'ha abbandonato er tuo padrone?
Annamo, famo du' passi insieme dentro a 'sta via
e stasera te porto a casa mia".

Eduardo Mistretta 1 F
S.M.S. Bignami

Premio Classi prime - Ex aequo

 

Io so' io

Si solo sapessi carcia' 'n pallone,
sarei de sicuro 'n gran campione;
si solo ciavessi 'na lunga farcata,
je la farei a fammela 'na vorta 'na scalata;

si solo ciavessi presenza, 'nvece d'esse 'n barile,
la faccia mia starebbe su ogni menzile;
ma io so' io, e così vojio resta',
nun me frega dell'artri, a me, me piace magna'.

Simone Serafini 1 N/A
S.M.S. Via della Maratona sede V. Nitti

Premio Classi prime - Ex aequo

 

Er barbone

So' barbone e ciò tanta fame,
ma nun ciò 'n pezzo de pane.
Nun lo so' pe' decisione
o magari pe' vocazione:
io così ce so' nato
poveraccio e disgraziato.

Nelle vetrine de Antonini
vedo le torte e i pasticcini:
noi barboni dovemo guarda'
er riccone che sta a magna'.

Sur vassoio ce so' crostate
e ar bancone le cassate;
la mimosa fragolina
me fa veni' l'acquolina;
ma puro i ricconi dovranno soffri':
magnano poco per dimagri'.

Paola d'Andrea 1 C
S.M.S. Belli

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

Ciò penzato

Me fa' : "Che voi capi', tu dici "tera"
Senza 'na ere nun è manco tonda
Gira a rovescio, ruzzola, s'affonda
Perde le foje puro a primavera

Er cararmato tuo? Quello è de fero
Così conciato pare de ricotta
Sbraca, sbroda, erutta, s'affagotta
Spara e fa pum, nun pare manco vero

E che figura poi, se stai inquadrato!
Te giri, parli, ridi, perdi il passo
Non obbedisci, pensi al materasso
Pari 'na barzelletta, no un sordato!

Sur principio so' rimasto senza fiato
Poi c'ho penzato: è vero, io dico guera
Senza 'na ere, tutti giù per tera
È un girotondo, un gioco spenzierato

Fosse 'sta ere che fa anna' tutto in malora?
Da sola è allegra, onesta, un po' furbetta
In due è già prepotente, dura, netta
Co' 'na ere sola, puro le "du' tori" guardavamo ancora

Flaminia Gressi 2 C
S.M.S. Belli

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

ER NONNO MARINARO

Mi nonno passa tutt'er tempo suo
a costrui' barchette e barchettini
co' li legnetti e li stecchini.
Nun è mai annato pe' mare,
ma la passione je rimane,
e mentre 'ncolla e taja
se fa' 'n pisolino sulla sdraja.

Lorenzo Di Dio 2 A
I.C. D. Purificato

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

MALINCONIA

Guardavo 'n muratore su 'no scalino de 'na strada,
che se magnava er pane colla frittata.
Nell'occhi sua leggevo la malinconia,
lui intanto pensava a la Romania.
Quarcuno l'ha trattato proprio male come er padrone,
che a vorte nun se risparmia, de esse un cafone.
Lo guardo ancora, se gira, soride, scote le spalle e penza,
io so' venuto qui pe' lavora', non certo pe' rubba'.
Amico mio, stamme vicino, strignime la mano
famme senti' che nun sto così lontano
damme la forza pe' questa vita mia
a manna' via 'sta maledetta malinconia.

Giacomo Gorgatti 2 B
S.M.S. E. De Filippo Colleverde (Guidonia)

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

La malattia

Ciavevo un microbbo vagante
Girava ner polmone: era asfissiante!!

Manco l'antibiotico je bastava
Era forte e non mollava

Er dottore pe' fa il gradasso
Prese 'na siringa e la ficcò ner grasso

Er microbbo a vede' quell'aghetto
Je prese 'n infarto che je squarciò er petto

Lorenzo Camossi 2 A
I.C. D. Purificato

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

Riflettendo...

Quanno penso,
che Ungaretti scrivette
mi illumino d'immenso
dico: mbè amico mio
che ce vo' lo so scrive pur'io.
Ma a guardamme attorno
me se smorza er soriso
perché quello che ciò da vede
m'offusca all'improvviso.

Marcovalerio Melillo 2 A
I.C. Via Valente

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

Guere de religgione

Quante inutili guere
se svorgono su 'ste tere
e ce s'aritroveno tutti
quelli belli e quelli brutti.
cristiani e musulmani
americani e talebbani
hanno lasciato er badile
e hanno preso er fucile.
Hanno messo ne li tormenti
pure l'innocenti
e se vann'a ammazza'
in nome de Cristo e de Allah.
Ma io penzo che che er Signore,
che dell'ommini conosce er core,
guarda 'sto monno e tace
cercando si c'è 'n omo de pace.

Dario Pasquantonio 2 A
I.C. D. Purificato

Premio Classi seconde - Ex aequo

 

Un po' d'allegria su la tera

Er monno nun va bene come sta,
se dovrebbe proprio da cambia':
la gente passa er giorno a lamentasse
pe' li botti aerei e pe' le tasse.

Ce stanno li disastri, c'è la guera
e pure l'ingiustizia sulla tera.
E io che so' sortanto un regazzino
me piace de fa' ride e fa' caciara,
perché immezzo a tutta 'sta cagnara
se possa esse' felici un pochettino.

E spero che quanno sarò granne e grosso
'sta voja de ride e de scherza'
m'arimanghi addosso,
come la panna sopra ar maritozzo.

Tommaso Sarti Magi 2 A
I.C. D. Purificato

Premio Classi terze - Ex aequo

 

La matematica

La matematica è la rovina mia
nun me sa aiuta' manco mi zia,
co' 'sti mijoni d'equazioni
che ce devi fa 'n sacco de riflessioni;
tra numeri e frazzioni
ce capiscono solo li secchioni.
la matematica nun serve a gnente,
ce stà er calcolatore 'ntelliggente.
La prof. Co' me diventa scema
un giorno pe' poco me mena;
la matematica è proprio 'na malattia
che er cervello me porta via.
Se 'n giorno riuscirò a capilla
me ricorderò solo de la prof. che strilla.
Nun so' bona a falla, che ce voi fa,
tutto ne la vita nun se po' sapè fa.

Sheri Senizan 3 A
Scuola Media "Virginia Centurione Bracelli" -Roma-

Premio Classi terze - Ex aequo

 

GLI EURI

La data d'oggi è de sicuro un gran giorno,
poiché da tutt'Italia la lira s'è torta de torno.

Ar posto suo, precisi e sfavillanti,
so' arivati gli euri pe' tutti quanti:
francesi, todeschi, spagnoli ed italiani
dentro alle tasche so' piombati 'sti marziani.

Campa mejo chi li sa adopera'
de chi co' la lente lì stà ancora a guarda'.

Arianna Lodovica Morini 3 C
S.M.S. Settembrini

Premio Classi terze - Ex aequo

 

Le prostitute

Un giorno passeggianno pe' le vie de Roma
sento 'na bambina che fa a 'na signora:
"A ma'
che ce stanno a fa'
quelle signore là?"
La donna risponne:
"Ma no, gnente, nun guardà...
devono pija l'autobus
e lo stanno a aspettà"
"Così spojate se ponno ammalà..."
"Gnente, gnente, nun te preoccupà.
Passerà qualcuno
e 'n vestito je darà!"
Io dico:
"Ma quann'è che a li pischelli
je potranno di'
che questo è sfruttamento
e che nisuno lo fa fini'
perché l'omo se deve diverti'?"
E quelle ragazzette stanno ferme là,
perché l'autobus ancora deve da passa'.

Claudia Castelli 3 B
Scuola Media "Virginia Centurione Bracelli" -Roma-

Premio Classi terze - Ex aequo

 

Chi so'?

Da 'ndo' vengo? Boh?
Chi so'?
Ma che ne so!
Mica posso sape' tutt'io.
Ar massimo te posso di'
che drento a 'sto monno
ce sto pur'io.
E Dio... 'ndo' sta?
Che s'è scordato
de li fiji sua?
Perché nun vie' qua
e mette quarche spicciolo
drento ar cappello?
Perché nun viene a vede
che fine ha fatto
questo o quello?"

Andrea Genna 3 B
Scuola Media "Virginia Centurione Bracelli" -Roma-

Premio speciale ROMA - Ex aequo

 

ER TEVERE SPARITO

'N giorno me so' affacciata
ar parapetto der Lungotevere,
vicino ar Ponte Sisto,
pe' da 'no sguardo ar fiume
drento ar suo letto...
e tu nun poi capi' quello c'ho visto!
Er fiume nun c'era più!
Era sparito!
Era rimasto solo 'n lungo fosso.
Me strofinavo l'occhi: "so' ammattita!"
Poi me ripresi
e vidi tanta storia,
da quella letta e studiata
a quella raccontata.
Me riveniva su pe' la memoria
quello che nun c'è più da vecchia data.
Ho 'ncominciato a vede armi romane,
spade, scudi, archi,
resti de navi, remi e cose strane,
pezzi de costruzioni arcane!
L'oggetti che vedevo passa' erano tanti,
e li secoli passaveno co' loro.
Poi ecco li personaggi veni' avanti:
Cicerone, principe del Foro,
i senatori su li scanni,
imperatori, duci e gladiatori
ch'hanno fatto la storia de tant'anni.
Eccoli qui, davanti a me presenti!
Però, a 'n certo punto me sento.
"Sveijate rega' sinnò caschi!
Er fiume è zozzo, ce se po' mori'!".
M'ero addormentata!
Ma so' contenta dav'è fatto quer sogno lì!

Claudia Garro 2 F
S.M.S. Via Padre Semeria

Premio speciale ROMA - Ex aequo

 

LO SCUDETTO

Ora avemo lo scudetto
È cucito 'n mezzo ar petto,
'na vittoria eccezionale
tanto bella da sta' male

'n mezzo ar campo c'è Cafù
corre e nun lo piji più.
Mo ariva la Gazzella
Ma er più atteso è Montella,
oh, anvedi...! Ecco qua Totti
che fa vince i lupacchiotti.

Sona l'inno de Venditti
E i Laziali tutti zitti.
Poi arriva la Ferilli
Che fa esse tutti brilli.
Romanisti a festeggià
E Laziali a rosicà

Antonio Pullino 1 A
I.C. Via Puglie

Premio speciale ROMA - Ex aequo

 

La Roma de Pinelli

Curiosando tra i libbri de mi' nonno,
che so' tra i mejo che ce stanno ar monno,

ho trovato ventotto stampe d'arte
incartate, legate e messe a parte.

Riproducono Roma ar tempo antico
co' le strade e le piazze de Panico,

Trastevere coi bulli e li cortelli,
immortalati tutti dar Pinelli.

Gente alla bona, a sede all'osteria
mentre un caretto passa e poi và via.

Ar Colosseo, tra l'archi e li giardini
tanti i romani e pochi li burini.

T'arincarto Pinelli e t'aringrazio
d'avecce dedicato tanto spazio.

Oggi Roma è diversa: è più moderna,
ma è stata e rimarrà la Città Eterna.

Martina Bastia 3 C
S.M.S. Settembrini