anno scolastico 2000-01

8° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA

La Scuola Media Statale "G.G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il sesto Concorso di Poesia Romanesca "G. G. Belli" riservato a tutti gli alunni delle Scuole Medie di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro il 13 Marzo 2001 componimenti scelti (dattiloscritti) in dialetto romanesco a tema e a metro liberi presso la nostra scuola. Ogni componimento redatto su carta intestata della scuola, deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore.Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della S.M.S. "G.G. Belli" con rappresentanti del Provveditorato agli Studi, del Comune di Roma e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio, proclamerà i vincitori per le classi: prima, seconda, terza ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 3 Maggio 2001 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.

IL PRESIDE
Prof. Angelo De Vita


La Giuria presieduta dal Preside Prof. Angelo De Vita è composta:

Provveditore agli Studi di Roma Prof. Paolo Norcia
Assessore alle politiche Educative del Comune di Roma Dott.ssa Fiorella Farinelli
Coordinatore del Concorso Prof. Pietro Teodonio
Roberto Alemanno
Stefano Bossi
Pio Cerocchi
Sergio Di Giulio
Carlo Gnetti
Domenico Gilio
Emanuela Lorenzetti
Marina Marino
Gino Massullo
Sandro Medici
Franco Schiavetto
Marcello Teodonio

 

Primo Premio Assoluto

SALUTI ALLA SOIA

Me sveglio ‘na vorta de mattina
Che mamma spignattava già in cucina
Me stiro le zampe, sposto la tendina
Finisco du’ espressioni lasciate er giorno prima.

Poi me decido e faccio colazzione
Ma mica quella rozza de voi artri
Caffè, cornetti, dorci e savoiardi
Robba moderna, ‘na rivoluzione.

Spremo ‘n pompelmo coltivato a giaffa
Pijo er tazzone mio co’ la giraffa
Fiocchi d’avena, mais, marmellata
Robba trasgenica, colta, raffinata.

E mentre sto già li co’ la forchetta
Me casca l’occhio su ‘na padellata
La pasta ch’è avanzata er giorno prima
Me guarda co’ ‘n’arietta sbarazzina

Falla finita insulso carboidrato
L’hai da capì, ormai so emancipato
Che fai, insisti? Voi rimedià ‘n papagno?
Rigatone, tu me provochi: io me te magno.

Flaminia Gressi
S.M.S. di Via Mordini 1° C

Secondo Premio Assoluto

DON GIUSTINO

Don Giustino Russolillo,
è ‘n gran santo manco a dillo!!!
Sulla piazza de Fidene,
vede er male e vede er bene,
ma c’è quarche malandrino
che lo rende ‘n Arlecchino!!!
Biancazuro, Giallorosso,
cambia tinta a più non posso
ma nisuno pe davero
lo colora Bianconero.
Sì l’artista lo fa bianco,
nun ce piace mica tanto!!!
Co’ quer libbro tra le mani,
vede nero er suo domani.
Quanto tempo ha da passà
pe’ finì ‘sto tribbolà?

 

 

Davide Iommi
Istituto comprensivo Via Russolillo 64 1° A

Terzo Premio Assoluto - Ex aequo

ER DORCE

Sei com’er cacao, com’er gelato
Sia co’ la panna che cor cioccolato
Sei come er zucchero filato
Come le carammelle e li cornetti
Come li bignè e li confetti.
Nun so da che parte ‘ncomincià.
Ma tutta quanta te vorrei magnà. 

Gianfranco Ettorre
Istituto comprensivo Via Russolillo 64 2° B

Terzo Premio Assoluto - Ex aequo

ER TELECOMANNO

C’ha tanti tasti che te ce perdi er dito
a spinge a destra se sente meio assai
spingi a sinistra e rimani sbalordito
che programma gajardo hai visto mai!
Cor tasto bianco comincia la visione
co’ quello verde te vedi la partita
se invece spingi er tasto marone
poi anna’ a dormi’ la musica è finita!

Francesco Medri
S.M.S. Settembrini 2° C

Premio Speciale "Roma"

ROMA

Nata d’Aprile in mezzo a fiori e campi
sette secoli e mezzo avanti Cristo,
Roma ha dettato legge a tutti quanti,
e a tutti quanti dice: "Ancora esisto".

Cià er Colosseo cor foro lì davanti,
San Pietro, suo più bello e grande acquisto,
le fontane che piovono brillanti,
e un panorama degno d’esse’ visto.

Roma innamora, è ‘na Città imponente.
Qui vedi li più gran capolavori
che rèsteno scorpiti nella mente.

Qui te ricrèi, t’incanti, te rilasci.
Se dice: "Vedi Napoli eppoi mori".
Io dico: "Vedi Roma eppoi rinasci".

 

 

Augusto Orciani
Scuola media "Virginia Centurione Bracelli" 2° C

Premio Classi prime - Ex aequo

 

LO SPORT

Lo sport è ‘na gran cosa,
se fatto co’ cautela,
te mette a posto er fisico
che pari ‘na candela.
Tu cori sarti e sudi
giranno come ‘n pazzo
pe’ perde quei du’ etti
intorno a quer palazzo.
Io ‘nvece qua seduta
che de chili ce n’ho troppi
m’attrippo de lasagne
fino a bottamme l’occhi.
E quindi amico mio
continua pure a core pe’ modella’ quer fisico
pe’ potè sembrà ‘n attore.
A me tu nun m'encanti
perché nun me ‘nteressa
m’abbasta magnà e beve
come se fosse festa.

Giorgia Galeffi
S.M.S. di Via Mordini 1° C

Premio Classi prime - Ex aequo

ER POVERO E LA SIGNORA

Un povero che dorme pe’ la strada,
buttato su du’ stracci e ‘na coperta,
sogna tutta la gente che fa festa
e a Natale se fa ‘na grande magnata.
A ‘n certo punto lo sveja ‘na risata:
è ‘na signora che tutta ‘mbellettata,
je fa, nemmanco avesse visto ‘n cane,
"Ecco come se dorme su ‘sta strada".
Er poveraccio se la guarda e dice:
"Bada signo’ che aringrazzianno Dio,
io pranzo e cena insieme ce li metto,
ma avete mai pensato, co’ rispetto,
a tutti quej, che senza corpa ar monno,
se morono de fame ogni momento?"

 

 

Flavio Milani
S.M.S. Esopo 1° A

Premio Classi seconde - Ex aequo

INDOVINELLO!!!

Quello "..DE BUE" ce l’ho si cocio l’ova;
si lo strigno, so’ uno che ce prova;
s’invece ce l’ho da "..PESCE LESSO"
co’ le ragazze certo faccio er fesso.
Come ‘na trottola ne la confusione
giro, si sto in quello "..DER CICLONE";
"Tielli BASSI!" se dice pe’ pudore
e quelli "..SOGNANTI" parleno d’amore.
Si nun c’hai er metro e vai de corsa pure
solo co’ quello piji le misure!
Si m’hanno fatto male pe’ davero
probabirmante me lo ritrovo "..NERO"!
Ar "tirassegno" sei uno che ce vince?
Allora se po’ di’: "Ce l’hai ..DE LINCE!"
"..A MANDORLA" ce l’hanno l’orientali
ma pe’ Santa Lucia so’ tutti uguali!
Vedo che me guardate co’ "..MALOCCHIO"…
V’arennete? …Va bbe’: sto a di’ dell’occhio!

Valentina Barbiero
S.M.S. Via G. De Benedetti 100 2° B

Premio Classi seconde - Ex aequo

LA PROFESSORESSA

Allora…
Stavo a di’ che
si se mortiprica
er punto "a" cor punto "b"
otteniamo er punto "c".
Tra l’alunni la professoressa
scorze uno che s’era distratto
e allora je chiese:
"E tu… vedemo si stavi attento,
aripeteme tutto quello c’ho detto!"
E l’alunno je fa’:
"A professore’… ma se nun lo sa lei
quello c’ha detto…
che ne posso sape’ io!"

 

 

Stefano Perelli
S.M.S. di Via Mordini 2° H

Premio Classi terze - Ex aequo

ER MICETTO

Vado cor passo ‘n po’ affrettato,
perché l’ombrello mo so’ scordato.
Passo sotto ‘n barcone e sotto ‘n tetto.
"Ma guarda ‘n po’, ce sta ‘n micetto!
E’ solo e sconsolato,
poraccio l’hanno abbandonato".
Cerco d’avvicinamme
e lui nun smette de guardamme.
"Te vojo accarezzà, de me te poi fidà".
L’ho portato a casa mia,
e se semo fatti compagnia.
Appena dentro casa comincia a miagolà.
"T’ho capito vôi quarcosa da magnà".
Je do na tazza con po’ de latte,
e appena la finita gioca co le ciavatte.
Mezzo stanco e mezzo scocciato,
chiude l’occhi, ecco fatto, s’è addormentato.

 

Veronica Conte
Istituto comprensivo Via Russolillo 64 3° B

Premio Classi terze - Ex aequo

 

SERATA ROMANA

È ‘na sera che sembra primavera.
Da casa mia se vede er Cuppolone
che illumina de luce
come ‘na grande stella
er cielo blu.
Li gatti baccajano ner prato,
mi madre sta a li fornelli pe’ la cena:
"A ma’ che fai a cena ancora cor tacchino?"
"E ‘mbè, che voi? La mucca è ancora pazza!"
E puro er cane, steso sur tappeto
sospira e penza
a li tempi dell’osso.

 

 

Lavinia Marino
Scuola media Bracelli 3° B

Premio Classi terze - Ex aequo

LA MUSICA

Pe me la musica è quarcosa de speciale.
Se nun l’ascorto me sento male,
che ce posso fa’, s’ho fatto così
perciò la sento notte e dì.
BOBBE MARLEY e le BEE GEES,
pe’ me rimangheno come li blu jeans.
Quanno so’ triste me fa passà l’arrabbiatura
e ogni vorta, vivo ‘n’avventura.
Me svejo e m’accendo la radio,
me pare che er monno è come ‘no stadio:
co’ tanti colori, co’ tanta allegria
co’ tanto tifo che me trascina via.
Me sento VENDITTI, me sento BENNATO,
a quer punto, so’ come ‘n drogato.
Arriva la sera e mi madre me dice
"HAO LA SPEGNI ‘STA RADIO?"
Allora io pe’ nun sentilla strilla’
me metto le cuffie e ricomincio a sogna’.

Simone De Santis
Istituto comprensivo Via Russolillo 64 3° B