anno scolastico 1999-00

7° CONCORSO DI POESIA ROMANESCA

La Scuola Media Statale "G.G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Provveditorato agli Studi di Roma e del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il sesto Concorso di Poesia Romanesca "G. G. Belli" riservato a tutti gli alunni delle Scuole Medie di Roma.


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

Possono partecipare tutti gli alunni delle scuole medie. Le scuole che aderiscono all'iniziativa devono inviare entro il 13 Marzo 2000 componimenti scelti (dattiloscritti) in dialetto romanesco a tema e a metro liberi presso la nostra scuola. Ogni componimento redatto su carta intestata della scuola, deve riportare Nome, Cognome e Classe frequentata dall'alunno autore.Una commissione, presieduta e nominata autonomamente dal Preside della S.M.S. "G.G. Belli" con rappresentanti del Provveditorato agli Studi, del Comune di Roma e dell'Associazione dei genitori "Noi del Belli", selezionerà le poesie e a proprio insindacabile giudizio, proclamerà i vincitori per le classi: prima, seconda, terza ed un vincitore assoluto.

PREMIAZIONE

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma il 28 Aprile 2000 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio.

IL PRESIDE
Prof. Angelo De Vita


La Giuria presieduta dal Preside Prof. Angelo De Vita è composta:

Provveditore agli Studi di Roma Prof. Paolo Norcia
Assessore alle politiche Educative del Comune di Roma Dott.ssa Fiorella Farinelli
Coordinatore del Concorso Prof. Pietro Teodonio
Roberto Alemanno
Stefano Bossi
Pio Cerocchi
Sergio Di Giulio
Carlo Gnetti
Domenico Gilio
Emanuela Lorenzetti
Marina Marino
Gino Massullo
Sandro Medici
Franco Schiavetto
Marcello Teodonio

Primo Premio Assoluto - Ex aequo

A mì Madre

Mi Madre è ‘na gran cosa
proprio meravigliosa!
Lei ce offre le sue cure
sempre piena è de paure
"Statte attento a traversà,
da ogni parte hai da guardà.
Se te tuffi poi in piscina
daje sempre ‘n occhiatina
anzi aspetta guarda e frena,
fa che d’acqua sia già piena".
Mamma dolce, mamma bella
nun avè ‘sta tremarella.
Io so’ grande e soprattutto
so’ sett’anni che me butto.
Se me butto ner futuro
vorrà dì che so’ maturo.
Lassa sta’ tutte ‘ste pene.
Sai che conta nella vita?
Che te vojo tanto bene!

Simone Arseni II C
S. M. S. G. G. Belli

Primo Premio Assoluto - Ex aequo

‘Na Pennichella

Ar monno c'è n'usanza antica
de fasse dopo magnato ‘na dormita.
C'è chi la chiama Sonno o Pisolino
oppure morto brevemente Sonnellino.
A Roma però ‘sta cosa cosi bella
dopo magnato è chiamata Pennichella

 

Riccardo Ferri I C
S. M. S. E. De Filippo Colleverde (Guidonia)

Premio speciale "Er dumila" Ex aequo

Storia dar Futuro

Un regazzino de Roma de tanto tempo fa
decise de scoprì ner futuro che c'è sta.
Se mise drento ‘na machina e veloce come er vento
schiacciò'er bottone e arrivò ar dumilacento.

Anvedi che progresso...che città!
Luci, colori...fateme guardà...
Le machine cammineno co li cavalli ner motore,
magnano carburanti e fanno un gran fetore.
Però che bello: velocipedi volanti,
razzi, computer, robot e replicanti.
Pe’ strada nun se vede più ‘na vecchia,
e tutti parleno co’ ‘n filo che Je penne da ‘na recchia;
vanno tutti de corsa, drento e fori,
sopra a tappeti che cammineno da soli.

E mo' c'ho fame...ecco l'alimentari der sor Razza
Entro e Je chiedo un panino ca’ mortazza.
Embè... che posto è questo?
Ch'è successo?
Ce so' solo barattoli e scatole impilate
tutte piene de pasticche colorate.
C’è ‘n vecchio tutto ‘ncartapecorito,
l'urtimo rimasto, moscio e un po' avvilito.
'Panino ca’ mortazza? Ma che dichi?
So' cose vietate...da banditi!
Oggi co’ ‘na pasticca magni tutto:
pasta, caciotta, rucola e prosciutto.
Vieni che te ricconto come va
e come è cambiato er modo de campà.
La mucca è pazza, sta a Santa Maria della Pietà,
'nciampa, se cappotta e nun se pô magnà
Er pesce è fatto in serie, è tutto uguale
è pieno d'antibiotici così "lui" nun sta male.
E te ricordi com'era la gallina?
Adesso c'ha sei cosce ed è piena de diossina.

La pecora è clonata, l'abbacchio è già vecchietto
e puro la verdura c'ha ’n gene de n’ insetto."

"A nonno, ma a me me piace tutta ‘sta novità...
'ste luci, 'sti bottoni...io vojo restà qua!"

Er vecchio sospirò...poi ce penà un momento...
"A regazzì ‘ndo hai parcheggiato la machina der tempo?"

Matteo Giocondi I C
S. M. S. G. G. Belli

 

Premio speciale "Er dumila" Ex aequo

Er Dumila, secondo me

Io me ricordo che quarche anno fa
pensanno un po’ ar Dumila me chiedevo:
chissà che cosa mai succederà?
Cambierà er monno? Quasi ce credevo!

Invece mo' ce stamo e intorno a me
nun vedo poi 'sta grande differenza...
Gnente astronavi, alieni e quello che
se immaginava co' la fantascienza!

Chissà se è mejo o peggio 'sto progresso
senza marziani o gite sulla luna
Detto tra noi, io sto bene lo stesso
Però de idee ve ne darei quarcuna...

Che li scienziati studino sortanto
quello che a noi ce serve pe' davero
e no le clonazioni, strani cibi e quanto
stanno a inventà pe' avecce un bimbo vero...

Ce penso e ce ripenso a quarche cosa
pe' la salvezza dell' umanità...
Però secondo me la più preziosa
resta comunque la semplicità:

'na machina che va senza benzina
er fumo grigio che nun c'ha più odore
e soprattutto nella medicina
quarcosa che guarisca..... er raffreddore!!

 

Valerio Duranti III A
S. M. S. Esopo

Premio Speciale "Roma" - Ex aequo

 

Porta Portese

A Roma ce sta 'na porta
'ndo se respira l'aria de 'na vorta
e pòi trova' oggetti d'ogni sorta.
Ce venneno li tappeti e le giacche,
li mobbili e puro le sacche:
tra 'n po' ce trovi anche le vacche!
Se chiama Porta Portese:
l" le bancarelle cambiano ogni mese
e so' più delle tante chiese.
Ce stanno puro li ladri,
de cui nun dico chi so' le madrie
nun se conoscheno manco li padri.
Questa è Porta Portese
'ndo pòi ritrova' l'arnese
che t'hanno rubbato lo scorzo mese.

Gabriele Piconi III B

Scuola Media "Virginia C. Bracelli"

Premio Speciale "Roma" - Ex aequo

 

Er Tevere

Er Tevere score veloce
dentro er suo letto antico.
Prima era biondo,
adesso sarebbe meijo
chiamallo er bruno Tevere.
Un tempo ce notavano l'ommini
ora ce notano li topi.
Infin de' conti semo tutti
...creature de Dio.

 

 

 

Martina Cecconi, Francesca De Santis e Valentina Di Sciaccia II F

S. M. S. Moscati

Premio Speciale "Poesia"

 

Poesia

Inclinata
la bicicletta s'appoggia
ar salice.
'Na foglia, 'nsieme all'artre
ner lago blu affoga,
s'agita
se ferma.
Più gnente se move, d'inverno.

 

Andrea Reni III C

S. M. S. L. Settembrini

Premio Classi prime - Ex aequo

Er barbone


Me la passo male, nun ciò 'na lira;
se provo a dormì la testa me gira.
So’ tre giorni che nun magno,
'na concolina de spaghetti me sogno.
Lo stomaco me fa glu glu
e nu ce vedo più. In ogni circostanza
me reclama la panza.
A letto me giro e me rigiro
e m' aritrovo solo co'n sospiro.
Vedo 'na callara de gnocchi
che me sta dinanzi all'occhi
cerco d'allungà er braccio
ma pe' la debolezza nun ce la faccio.


Francesca Rinaldi

S.M. S. G. G. Belli

Premio Classi prime - Ex aequo

 

Innammorati

Du’ ragazzi innammorati
s'erano menati
pe' 'na certa pischella
tanto bona e tanto bella,
ma lei invece ner contesto
nun faceva manco un gesto.
Tanti pugni e tante botte
che se fece quasi notte:
stanchi morti e frastornati
tanto s'erano sfonnati,
uno dice: "ce convie' pe' 'na pischella?
ne trovamo una più bella!

Sara D’Attilio
S. M. S. Nobel

 

 

 

 

Premio Classi prime - Ex aequo

Caio Muzio

P'ammazza' in gran segreto
er re Etrusco a tradimento,
Caio Muzio s'è n'filato
ner nemico accampamento
ma per dinci e poi per bacco"
disse: "adesso io che faccio
pe' uccide 'sto re Etrusco
se nemmanco lo conosco?"
Come vide l“ sur posto
un tipetto gnente male
ritto ritto ma composto
lo freddò cor suo pugnale
Ma s' accorse dell' errore
quanno poi arrivò Porsenna,
che infuriato e incavolato,
se voleva vendicà.
Caio Muzio esasperato
la sua mano s'è 'nfocato.
La piazzò su a braciola
sfrigge sfrigge e maleodora,
E’ perciò che vien chiamato
Muzio Scevola er "moncato

Marco Bottero
S. M. S. M. Buonarroti

Premio Classi prime - Ex aequo

A zio Sandro er pallonaro

Er sor Sandro sessantenne
proprio nun la vole intenne
e continua con affanno
a giocà pè tutto l' anno.
Tra infortuni e contusioni
core appresso a li palloni,
tra partite e tra tornei
rompe a noi li zibbidei.
Cor torneo dei veterani
dove tutti sò un pò anziani
lui sfavilla tra i bianconi
e se rompe anche i peroni.
E lui core gioca e scappa
ma la palla mai l’ acchiappa.
Ma de questo sò sicuro,
che zio Sandro sur campone
c' andrà pure cor bastone.

Andrea Villani
S. M. S. G. G. Belli

Premio Classi prime - Ex aequo

Er Bambino, er bue e l’asinello (porello)

Er bambinello stava ne a stalla,
ciaveva freddo e gnente pé coprisse.
Allora se rivorse ar bue e je disse:
Soffieme addosso un po' de aria calla.
Poi se rivorse puro all'asinello:
vv Io ciò fame - je disse er Bambinello
Nun è che tu me poi portà
quarcosa da magnà?
l'asino allora annò dai contadini
che lavoravano drento a ‘na casetta;
se fece da' du etti de porchetta
e portò ar Bambinello du panini.
Boni - je fece Lui - boni assai!
Boni cosi nun l'ho magnati mai...
Però, se me vòi fa' na cosa bella
tu famme assaggià puro. la mortadella!!

Miriam Landi
S. M. S. A. Nobel

Premio Classi seconde - Ex aequo

Er guscio d'ovo
Da giovedì ce vo' er casco in moto.
E' giusto, chè se sbatti poi sur duro
o te sfracelli intero contro un muro,
tranquillo, te riarzi, come è noto.
Sarà vero? Mah! 'n po' è esagerato,
ma se 'na vorta sola sei cascato,
sai che vordì e sai che è mejo avello
quer mezzo guscio d'ovo sur cervello.
Maria Laura Risso
S. M. S. L. Settembrini

Premio Classi seconde - Ex aequo

Io e mi’ fratello
Io e mi' fratello stamo sempre a litigà
ce pijamo a schiaffi carci e pugni
ce lasciamo sgraffi e segni su li grugni.
Mo 'no scherzo, 'na battuta spiritosa
du spallate 'na cianghetta:
si t’ acchiappo...a davede quant’ occhi neri
che te faccio.!
Se guardamo sempre in cagnesco...
Ma sta' lontano da te nun ce riesco.
Daniele Renzi
S. M. S. Balabanoff

Premio Classi seconde - Ex aequo

Er fratello segreto de Gigi Proietti
A scola mia un professore ce stà
che tanto giusta nun me la stà a raccontà.
La prima vorta che l'ho ’ncontrato
l'occhi ho sgranato
e pure Roberto s'è domandato
ma ch'è Gigi Proietti ch'è arivato!
Professor" Ovidio" ha detto che se chiamava
ma come ‘na goccia d'acqua jassomiava.
E se senza sapello
Gigi Proietti ciavesse un fratello?
Er professore dice che nun è vero
ma io nun je credo pe' davero.
E nun è che jassomia solo de fisionomia
ma in comune cianno pure la simpatia
Pe' falla corta pe' falla breve
a me nun me la da a beve.
So' due anni che l'ho 'ncontrato
e ancora er dubbio nun me lo so levato!
Paola La Torre
S. M. S. G. G. Belli

Premio Classi seconde - Ex aequo

Annibale a Roma
Era Annibale nativo
de Cartagine e da vivo,
dopo un corso de studente
fu promosso egregiamente.
Come premio der diploma
er papà lo mannò a Roma
pe' svagasse (così penso)
da 'no studio tanto intenso
venne puro pe' prega'
e la porta Santa supera'.
Così presi l'elifanti,
quarche pane, messi i guanti
e cor fiasco per il vino
valicando er passo arpino,
prese ar bivio la statale
verso Roma capitale.
Arrivò a fine giornata
e trovò presso l'entrata
tar Scipione l'Africano
mezzo vigile e guardiano,
che je disse "L' elifanti
so' mezzi 'n po' 'ngombranti;
nun s'entra!... attenzione
ve farò contravvenzione!
Già le strade cittadine,
tra Ferrari e macchinine,
genti in moto ed appiedate
so' de traffico intasate!
Pensò Annibale: "Me pare
che se a Roma vorrò entrare
dovrò famme, è necessario,
l'elifante "utilitario"!
Daniele Malizia II C
S. M. S. L. Settembrini

Premio Classi terze - Ex aequo

 

Lì c’è pace

 

 

Ner sorriso sereno,

ner colore dell'arcobaleno

nella mano che se tenne

in chi nun s'arrenne,

ner gesto de umiltà

ner chi dona felicità.

Nelle parole sincere,

ner core senza barriere

nell'occhi de ‘n bambino

in chi te sta vicino

lì c’ è pace.

 

Fabiana Biagiotti   III  H

 

S. M. S.  C. A. Dalla Chiesa

 

Premio Classi terze - Ex aequo

 

Addio professore'

 

 

Ariva co’ 1o sguardo scuro scuro,

quasi c'avesse da pensa' pe' tutti,

ma poi ce vede e se rasserena

quasi 'na madre che ritrova i fiji.

E' dorce e affettuosa s'è contenta,

giovane e simpatica se je gira,

severa, troppo attenta e nun se contenta

se fori piove e troppo vento tira.

Noi ce provamo, ma lei è sempre più furba...

"no! professore', nun c'era gnente!!"

"ma come. . . e i capitoli de storia. . . ?"

"ma no, se sbaja..."

e daje tutti a ripassa' de corsa,

che tanto cià sgamato e nun c'è scampo.

E mo', addio professore',

da sta scola ce cacceno oramai.

Addio a Lei, a Lui e a tutte quante:

chissà le volte che La rimpiagneremo.

Ma Lei professore', ch'è tanto esperta,

se ricorderà de sta 3A così perfetta?

De questa prima classe de sta scola,

ciai fatto cresce senza mai ‘na sòla.

Ciai preparati ad affronta' er futuro:

ma mo' semo cresciuti

ce ne dovemo anna' verso la vita.

Te lasciamo 'n fojo e 'na matita:

ce chiami, se sente nostalgia,

ce chiami ... che lasceremo tutto...

faremo sega, diremo 'na bucia

pur de torna' a faje compagnia.

 

Maria Laura Ceci  III A   

S. M. S.  Esopo