Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Gioachino Belli

Roma 00195

Sede via A. Mordini, 19 • tel. 06 37500227-37526543, fax 06 37517481
Sede via Col di Lana, 5 • tel./fax 06 37515410rmic8gx001@istruzione.it

Menu di navigazione - Concorso Poesia Romanesca - Poesia romanesca


[ torna all'inizio della pagina ]


XIV Concorso di Poesia Romanesca

Poesie Segnalate 2006-2007

Li vecchi

Un giorno l'insegnante elementare
chiese a mi' nonno de venì a cantà
li ricordi der canto popolare
de Roma antica de tant'anni fa.

Cor po' de voce che j'era rimasta
e la memoria de li canti antichi,
mi' nonno fece assai entusiasta
la scolaresca co' tutti l'amichi.

Bene fece la maestra a ringraziallo
der contributo che ciaveva dato
a capì storie, vicenne e tradizzioni
de fatti che riguardeno er passato.

Co' questo vojo dì che chi cià l'anni
nun t'hai da crede nun serva più a nissuno:
so' un libro de ricordi e d'esperienze
utili a noi regazzi e a ciascheduno.

Valerie Tiberi - S.M.S. Esopo, Roma - I A

Er Colosseo

Er Colosseo è 'na vita che s'aregge in piedi:
nun pòi passà pe' Roma si nun lo vedi;
in tant'anni de vita, 'sto Colosso,
dar basamento suo, nun s'è mai mosso!

Je n'anno tolti de pezzi de mattoni
pe poi abbellicce le ville dei ricconi:
certo nun hanno fatto gnente de speciale,
a lui invece l'hanno ridotto proprio male!

A un certo punto t'hanno ridotto all'osso,
me te, gnente, te li sei tenuti addosso
lassanno passa' indenni l'anni interi,
tenenno solo pe te li tuoi pensieri.

Luca Mazzonna - S.M.S. G.G. Belli, Roma - I D

Mi' nonna

Te ne sei annata senza dimme gnente
e m'hai lasciata a piagne tra la gente.
Lo so che t'ha chiamata
e tu 'n cielo sei volata,
ma quanno vengo ar cimitero
me dico: no, nun pè esse vero!
Me ricordo che quanno ciai lasciato
drento de me 'na voce m'ha parlato:
speramo che esiste er Paradiso…
e 'na lacrima m'è scesa lungo er viso.
Adesso in fonno ar core ce sta un buco
e ce se vede solo un bujo cupo…
e quanno vado a letto pe dormi'
spero ogni vorta de senti'
la voce tua
che ormai ho dimenticato
e te dico:
"Ciao, nonna, la giornata è finita.
A scola so' stata brava…
Come te va la vita?"
Ma tu nun me senti,
tu nun me rispondi,
o forse so' io che nun te so ascorta'
si tu me parli dall'Ardilà.
Da te me resta solo 'na vecchia foto
indove tu me guardi soridente
e su cui piango
lontano da li sguardi de la gente.

Ilaria Ciocari - Scuola Virginia Bracelli, Roma - I B

Indovinello…

Cinque lettere, 'na parola,
però 'sta cosa
nun te l'insegneno a scola!
Tutti lo vonno e lo stanno a cercà,
ma quello vero te fa tribolà!
Stai sempre co' la paura velenosa
che te lo rubbi quarche invidiosa.
L'avrete capito? Fa rima co' core.
Nun pò esse artro che amore!

Diana Novelli - S.M.S. G. Moscati, Roma - II D

Er dentista de quella via

Me lo disse la prima vorta la zia:
me confidò che er nipote, er dentista,
detto "de li denti l'artista",
cià, è vero, 'n'attività in quella via,

ma è 'na copertura: quella persona pia
nun è antro che un capitalista,
nun ha studiato li denti, ne sa quanto un barista
e li crienti so' de 'n'antra categoria.

Insomma, la verità seria e vera
è che l'arte sua se chiama usura
e quanno s'ariconta li sordi, la sera,

io vorebbe che fosse pizzicato
e che quarcheduno se facesse premura
de fallo diventà… sdentato!

Francesco Rainone - S.M.S. Via Alessandro Severo, Roma - III G

Le previsioni der tempo

Tutti li giorni a casa mia
c'è 'n'ora puntuale
in cui vedemo er teleggiornale;
la stessa cosa fa mi' zia.

A la fine ariveno le previsioni
presentate da uno che nun se ne 'ntenne
e allora me chiedo perché pretenne
de sapé der tempo l'azioni!

Spesso er meteo m'ha rovinato:
vacanze, gite e viaggi d'istruzione;
a ripenzacce me viè er magone
e tutto pe esse male informato!

Pe esperienza una cosa ho imparato:
che er meteo nun va ascortato,
da settembre fino ad agosto,
perciò è mejo… si fai l'opposto!

Jordan Da Conceicao - S.M.S Via Alessandro Severo, Roma - III C

In piscina nun ce vojo annà

Già quanno m'arzo a la matina,
so' girata: devo d'annà in piscina!
"Dài Corinne, te se toje la panzetta!
Corinne, camminerai più eretta!"

Ma io in piscina nun ce vojo annà,
troppo a pallone me piace giocà;
me dicheno: "'Na regazzina bene educata
nun gioca a calcio, se fa 'na notata!"

Eppuro li miei so' progrediti,
ma ciànno l'idee da trogloditi,
nun capischeno che la ciccia se tojerà,
puro senza sta' a mollo… come un baccalà!

Corinne Cecchini - S.M.S. Via Alessandro Severo, Roma - III G

Er corpo de furmine

M'hai corpito er primo giorno:
mentre stavo imbambolata
all'entrata m'hai guardata:
so' diventata tutto un forno,
e pure er tuo ber viso
arrossì ar mio sorriso.
Nun sapevo cosa dì
nun riuscivo a reaggì;
la prof te stava pe chiamà
ma io me feci interrogà.
Proprio male so' annata,
ma tu pe' consolamme m'hai baciata:
così ho scoperto d'esse innamorata.

Miriam Zughetti - S.M.S. G.G. Belli, Roma - III B

Rimpiango 'sta città

Roma con le gite te venimo a visità
e con le prof te stamo a studià.
I tuoi monumenti
ce fanno ricordà certi momenti.
A Roma er papa ce sta
e la domenica la messa ce fa ascortà.
A Roma, a Fontana de Trevi,
se je butti quarche spiccio
se dice che er desiderio te fa avverà.
Roma le regazze fai innamorà
e i bambini fai giocà.
A Roma ce stavo ad abità
e un brutto giorno me ne sò dovuto annà
e ho un granne rimpianto
pe sta città.

Tiziano Fabbrizi - I.C. Leone XIII, Carpineto Romano, Montelanico - III E



[ torna all'inizio della pagina ]


rmmm50900q@istruzione.it • codice fiscale 97713920581 • codice meccanografico RMIC8GX001

[ torna all'inizio della pagina ]