Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Gioachino Belli

Roma 00195

Sede via A. Mordini, 19 • tel. 06 37500227-37526543, fax 06 37517481
Sede via Col di Lana, 5 • tel./fax 06 37515410rmic8gx001@istruzione.it

Menu di navigazione - Concorso Poesia Romanesca -


[ torna all'inizio della pagina ]


XIII Concorso di Poesia Romanesca

2005-2006

La S.M.S. "G.G. Belli" di Roma in collaborazione con l'Associazione dei Genitori "Noi del Belli" e con il patrocinio del Comune di Roma, al fine di contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale e linguistico della nostra città ed alla valorizzazione del dialetto, lingua d'uso quotidiano capace di comunicare ed esprimere emozioni, sentimenti, bisogni come qualsiasi altra lingua, indice il XIII Concorso di Poesia Romanesca riservato a tutti gli alunni delle Scuole Medie.

Modalità di partecipazione

  • Possono partecipare tutti gli alunni delle Scuole Medie di Roma e Provincia. Le scuole che aderiscono alla iniziativa dovranno inviare entro il 25 Marzo 2006 le poesie in romanesco a tema e a metro liberi presso la nostra scuola al seguente indirizzo di posta elettronica: conc.poesiaromanesca@virgilio.it
  • Ogni componimento deve riportare nome, cognome, classe e scuola frequentate dall'alunno autore.
  • Una commissione presieduta e nominata autonomamente dal Dirigente Scolastico della S.M.S. "G.G. Belli" selezionerà e valuterà le poesie e, a proprio insindacabile giudizio, proclamerà i Vincitori per le classi: 1ª, 2ª, 3ª ed un Vincitore assoluto.
  • L'associazione dei genitori "Noi del Belli" si riserva la possibilità di pubblicare le poesie inviate.

Le poesie premiate saranno comunque inserite nel sito internet della scuola

Premiazione

La cerimonia della premiazione avrà luogo in coincidenza con le iniziative dei festeggiamenti per il Natale di Roma, sabato 1 aprile 2007 alle ore 10,30 presso l'ufficio di presidenza della sede di via Mordini.

Il Dirigente Scolastico
Dott.ssa Carla Costetti

Giuria

La Giuria presieduta dal Dirigente Scolastico Dott.ssa Carla Costetti è composta da:
Massi Buzzao
Pio Cerocchi
Pino De Roma
Angelo De Vita
Marina Frunzio
Carlo Gnetti
Marcello Teodonio
Pietro Teodonio


I Premio assoluto

Ultima ora

Goccia d'acido che te scorre sulla pelle,
rubinetto che scandisce li secondi a mezzanotte,
nun è la maledizione dell'angelo ribelle,
nun è la vendetta de chi hai preso a botte…

Basta, basta! Sospiri de 'n'indemoniato
lluso! Più vôi che smetta
più resti incatenato,
dar tempo che scorre, ma senza fretta…

Lontana! Così lontana è la fine!
La fine de tutte 'ste pene,
castigazioni divine,
omeriche sirene…

In coro se leva er nero lamento
de ragazzi e fanciulli,
privati, pe' 'n'interminabile momento,
de tutti li trastulli…

Poi, d'un tratto, 'no squillo,
de foggia strana,
amico e amato trillo,
de colpo er buio s'allontana!

In piedi, in piedi! Pe' oggi è finita!
A tutti, tutti quanti, fori! Fori!
Riparta la vita,
riscorra er sangue nelli cori!

Sapete, considerando er totale,
se seguivo se poteva pure sopportà,
ma cos'ho detto purtroppo vale,
pe' l'ultima ora che ce tocca fa.

Giacomo Diedenhofen - S.M.S. G.G. Belli - III D


II Premio assoluto

La luna arrabbiata

Stanotte, ner vede' la luna,
nun provo emozione arcuna:
accijata e griggiaccia…
È proprio 'na lunaccia!

Je rivorgo la parola
ma lei no, nun se conzola
e se je faccio la serenata
me dice "Basta. So' arrabbiata!
Ho litigato co' 'na stella che come tante
se credeva d'esse' più importante
de me che ogni notte da lontano
guardo l'innamorati prennese pe' mano".

Sabina Angeloni - Scuola secondaria di I grado paritaria "Virginia C. Bracelli" - I B


III Premio assoluto

Libertà

Arto, fra li rami
ce sta 'n angolo de cielo prigioniero
mozzichi d'azzuro
tra rami secchi e spoji.

E io come 'n gabbiano
lassù vorrei vola'
e vince la forza
che m'impriggiona a tera.

Ma mille so' li lacci
e mille le catene:
so' fredde pietre
drento le saccocce.

E grideno forte:
"Ndo' voresti anna'?
mica è pe' te
la libertà der volo!"

Ma io so' forte,
fija der vento so' io
e nun ce sta muro
che me po' ferma'.

E nun c' è strada,
nun ce sta barriera
che me po' 'mpedi' de cammina'.

Solo er core mio
solo er penziero mio
so' le leggi
che vojo arispettà.

Arianna Ciccarelli - S.M.S. Paolo Stefanelli - III N


I Premio "Roma"

Roma, Roma, Roma

Roma capoccia, Roma universale,
Roma ch'a conquistato mezzo monno,
Roma "la lupa" Roma che'n cià sonno
Roma cor Cupolone e er Quirinale,

Roma regina, Roma 'n po' speciale
Roma che soffre, ma nun va mai a fonno,
Roma de tutti quelli che la vonno
Roma de sempre, fora der normale.

Roma de le coppiette e de Pasquino
Roma cor core de 'n trasteverino.
Roma che splenne, da li colli ar mare
stupendamente granne com'appare!

Cristian Macera - I.C. Leone XIII Montelanico - II E


II Premio "Roma"

Le antiche fontane di Roma

A Roma de fontane ce ne so' tante,
d'estate fanno da rinfrescante
d'acqua ne esce in quantità
da quarsiasi buco le vedi zampilla'.

Servono ar turista stanco e 'gnorante
pe' rinfrescasse er piede dolorante
nun conoscenno la storia e la civiltà
de la fontana, dove er piede ce se sta a lava'.

So' fontane costruite tanto tempo fa
ognuna cià 'na storia da racconta'
non pensanno che un domani
servissero pe' lavasse piedi e mani atroci.

Fabrizio Romano - S.M.S. Carlo Alberto dalla Chiesa - III D


III Premio "Roma"

In fonno ar core dei ragazzi

Ciao cara Roma sempre amata
e dai giovani affollata
sti giovani ragazzi belli e indaffarati
che in ogni momento trovamo occupati.
Pensano solo a rimorchia' e a divertisse
a immischiasse nelle risse.
Pe' fasse vede' fighi e belli
se fanno anche du' spinelli.
E vantannose d'ave' er motorino
je fanno anche 'n ritocchino.
All'apparenza sembrano freddi e orgogliosi
ma qanno amano so' dorci e gelosi:
sembrano cagnolini de razza
che vanno appresso alla loro ragazza.
Sempre presi da giochi novi e pericolosi
se ne vanno in giro a testa alta come eroi valorosi.
Ma in fonno a tutti i loro cori
c'è na sensibilita' che stenta a uscì fori.

Giulia Calabrò - I.C. Leone XIII Montelanico - III E


Classi Prime - I Premio ex aequo

Racconti de nonna

"Trucci, trucci… cavallucci
cantava nonna mia
facennome sartà su li ginocchi
cor gioco che me dava l'allegria

mo che so' nonna, io ciò ariprovato
ma trucci, trucci non funziona più
addesso er ragazzino s' è scafato
vo' vede' li cartoni a la TV!"

Alessio Corvaglia - S.M.S. Domenico Savio - I B

Er Belli

La scola mia è ar Belli 'ntitolata,
scrittore de sonetti de la Roma passata.
Io pe' la verità, nun l'ho ancora studiato
perché co' la "Moratti" nun ce so' arivato,
ma so' orgoglioso de la fama che cià
'sto gran cantore de la romanità.

Ar tempo suo 'st'omo d'intelletto
nun se immaginava d'avecce cor dialetto
cos ì tanta fama da trovasse scorpito
nell'atrio de la scola 'ndo so' ito.

Ma da pensà pur'anco c'è
che 'st'omo sarebbe ben contento de sapè
che ne la scola sua li regazzini,
anche se nun so' poeti sopreffini,
se sforzeno de scrive versi in rima
com'aveva fatto lui tant'anni prima.

È questo er messaggio che la scola cià tramandato,
ché quanno se studieno le cose der passato
se vede quanto de bello c'hanno insegnato
l'omini che 'n segno hanno lasciato.

Marco Maimone - S.M.S. G.G. Belli - I B

In famiglia

Quer sant' omo de mi padre,
tutto er giorno a predicà:
- Nun fa quello!
- Nun fa questo!
Ma qua dentro, che se po' fa?
Non se po' sempre studià!
Ce vo pure un po' de spasso,
na risata, un po' de chiasso!
Pe potesse laureà,
sì, se deve un po' studià!
Ma pochetto…
Co' 'n libretto!
Nun ce vole quer mattone
che te crea 'na confusione!
Nun parlamo de mi madre,
che stà sempre a lavorà:
'n po' pe' scola, 'n po' pe casa,
ma non pensa a cucinà!
lo che so' 'na gran magnona,
stò un pochetto a tribolà.
Nun parlamo dei fratelli:
sì so' boni… pure quelli…
S'è capito?
La famiglia è un poco strana.
Io ce soffro le mie pene
ma je vojo tanto bene!

Anna Paola Gagliardi - S.M.S. S. D'Acquisto - I A

Er bacetto

Che cos'è
er bacetto,
è un dolcetto
che nun se magna
ma se dà sulla guancia,
e nun solo lì
ma famo finta de si.
Se strignemo le labbra,
se butteno all'infora,
se chiudeno l'occhi
e poi se fa 'no scrocchio,
senza dà troppo nell'occhio.
Ma er più bello è quello per amore
te senti brucià er core,
lo stommaco se strizza,
le mani so' de gelo
er pelo te se izza.
Insomma è 'na cosa bella,
nun so perché,
da quanno er monno c'è
c'è gente che lo fa.
La gioia è quanno er bacio se dà
c'è pace in quantità.
Però hai da sta' attenta
a dà er bacetto fija mia
perché sennò tra nove mesi
la cicogna arriverà,
e vedrai li panni c'hai da lavà.

Diletta Foti - S.M.S. G.G. Belli - I C

Lo sfratto

Stanotte, ner rivede' casa mia
buttata giù, me so' sentita 'n pena:
la cucina, le scale… tutto via!
Tutto quer vôto: che malinconia!

Sotto la luce della luna piena
me faceva penza' a 'na scena
de 'n teatrino senza compagnia
e a quant'è triste vive da sfrattata
desideranno de nun esse nata…

Annachiara Innocenzi - Scuola secondaria di I grado Virginia C. Bracelli - I B


Classi Seconde - I Premio ex aequo

Er goleador

Oggi è 'na gran giornata,
er sole splende come 'na pepita.
Me so' svejato a mille e dopo 'na lavata,
so' corso ar campo, c'avemo la partita.

Se comincia, er tifo se scatena,
urla la gente e pare 'n carnevale.
Ma vado lento, nun pijo mai la palla,
li compagni me guardano un po' male.

Ma a 'n certo punto me so' sentito mejo,
pijo la palla e me l'incollo ar piede,
me sembro Maradona e dribblo tutti,
co' 'na finta er portiere metto a sede.

Ho segnato e sarto come 'n matto
ma…, li compagni se ne vanno via!
E che è l'invidia che li rode tanto?
No, è solo che ho segnato… ne la porta mia!

Fabrizio D'Aprile - S.M.S. Caio Duilio, Ostia Lido - II A

Susanna ed Alessandro: due A.E.C.

A scola ce so' due che me piaciono tanto,
cianno anche 'n ber nome: Susanna ed Alessandro;
la mattina quanno arivo tutta de fretta,
c'è sempre uno che, co' pazienza, aspetta.

Me soride, me saluta, de gentilezze tante,
me pija puro lo zaino pesante;
ed io co' animo più contento,
ne la scola vado dentro.

Certe ore le passo nella loro stanza,
ce so': fiori, piante e dipinti in abbondanza,
è tutto 'no sfavill ìo de colore,
quanno lo vedi te se riempie er core.

So' due A.E.C., der Comune impiegati,
cari amici mia so' diventati,
loro me fanno tanta simpatia
e perciò je dedico 'sta poesia.

Corinne Cecchini - S.M.S. Via Alessandro Severo - II G

L'arbero solitario

Ce sta n' grosso arbero
'n mezzo a quell' immenzo prato,
che tutto pare, tranne che amato.

Sta lì fermo, nun se move,
è isolato da tutt' er monno,
è l'arbero solitario.

Si lo tocchi nun te parla,
ma te lascia pe' ricordo
'na lacrima appiccicosa
che cola sur suo tronco.

È vecchio, è stanco.
Nun cià più forze p'annà avanti:
sta solo ad aspettà
che le radici sue nun lo reggano più.

Debora De Cerce - I.C. Domenico Purificato - II A

'Na semplice giornata

Pe' scrive' 'na semplice poesia
ce vole ingegno e molta fantasia.
Un po' da carta, 'na penna ed un bianchetto
pe' fa sembrà che tutto sia perfetto.
Ma ce vo' pure 'n soggetto, 'n argomento, 'n tema
se no la mano nun se move… trema.
In fonno de che cosa poi parlà
se in testa mezza idea nun ce sta?
È questo er vero dramma… che disperazione…
ave' la capoccia vôta, senza 'n'emozione.
Guardando er wrestling, stamo ore alla tivvù
e de spreme er core forse nun ce va più.
Semo tutti presi dalla nostra bella vita
che in un soffio la giornata è già finita.
Nun c'è tempo pe' pensà, pe' 'na riflessione
se se fermamo ce viene er marmadrone.
Pensa che bello potè riuscì a capì
che ce sta 'n monno ancora tutto da scoprì.
Che ce potrebbe esse' in fonno a tutti noi
un piccolo Dante e non solo un game boy.

Andrea Mirkopulos - S.M.S. Caio Duilio - II F

Francesco

Er nome che io porto è fico e assai gajardo
me chiameno Francesco, ma solo chi è lombardo
pe' tutti l'artri, a Roma, so' noto come Checco
e io de questa cosa de certo nun me picco

È er nome de 'n gran santo, famoso in tutto er monno
amato e rispettato dai tempi de mi' nonno
diceveno ch'amasse parlà co' l'ucelli
che staveno a sent ì lascianno i vermicelli

De certo nun è il caso che er nome lo si adotti
se stai in una città ch'adora Checco Totti.
C'è poco da scherzà, per me è quasi 'no strazio,
visto e considerato che tifo pe' la Lazio

Da quanno poi ch'avemo perso er derby
pe' noi biancocelesti so' aspri li diverbi:
ripeteno da sempre 'sta frase come 'n disco:
"Diventa della Roma, te chiami anche Francesco".

Francesco Ettore Mantia - S.M.S. G.G. Belli - II C


Classi Terze - I Premio ex aequo

Er gioco de colori

Un compagno de colore?
Che vordi c'ha preso er sole?
Famme capì… de colore che vordì?

Me guardo 'ntorno pe' ore
mo me pongo er problema der colore.
Guardo Andrea: er viso, suo è un po' rosso.
Me guardo allo specchio: so' 'n po' nero e 'n po' grosso,
mi cugina è proprio rossa
è teutonica de ossa.

De' colore, ma che vordì?
Ci' avemo tutti er core pe' patì,
'na testa pe' capì
e l'occhi pe' vede'.
La scola m'ha fatto sape'
Che Roy, er compagno mio, è così:
de' colore.

Gesù, Gesù fateme capì,
'sta storia der colore me fa 'npazzi.
Allora è er colore che te fa val è de più
se sei giallo nun te butta giù
a 'sto gioco potresti val è de più.

Signori mia, sta distinzione fatela voi
a noi non ce contate a sto gioco d'ora in poi.
Noi altri semo uguali
e dove ce pare annamo colle ali.

Quando mi madre compra er pane o li biscotti
Er fornai je chiede: ben cotti?
Mamma mia arisponne: è uguale
Pure pe' l'omini questo vale!!!

Silvio Angiolillo - I.C. Domenico Purificato - III A

L'adolescenza

Quanno s'è piccoli
se vive ar monno come marionette.
So' li genitori che movono li fili.
Poi arriva er giorno che,
come Pinocchio,
ce s'addorme.
Quanno te svegli,
ritrovi er burattino ne la sedia.
È er momento de cammina' da solo.

Giulia Petito - S.M.S. S. D'Acquisto - III A

Er novo anno

Quant' è bello er novo anno
i romani je diranno:
"che ce porti tu de bello?"
sempre sona er ritornello
tutti boni, tutti bravi
nun ce dà penzieri gravi
dacce 'n po' de sonni belli
facce abbraccià come fratelli.
Pija quello pija questo
metti tutto drento ar cesto
mesta, mesta, gira, gira,
pe' capì che aria tira
pe' capì co' precisione
pe capì senza sbajacce
come famo pe' incontracce!
Mo me levo 'sto cappello
e finisco er ritornello
augurando ar monno intero:
pace e bene, e che sia vero!

Giacomo Ciavatti - S.M.S. G.G. Belli - III C

Er fumo fa male

È mejo fasse 'na passeggiata ar mare
in una giornata piena de sole
co' lunghe file che durano ore
incolonnati fino da la mattina
respiranno er gasse delle macchine
misto all'aria marina.
Quanno sei arivato,
attento ar mare inquinato.

Ma er fumo fa male.

Pe' respirà un po' d'aria bona
ce sarebbe d'anna' in campagna,
basta st'attenta a quello che se magna.
La frutta va lavata e risciacquata
senza coccia va magnata,
la terra co' la chimica è concimata
co' li veleni annaffia le piante er contadino
questa è l'aria bona che respira er cittadino.

Ma er fumo fa male.

N'antra cosa è la città
dove l'ufficio d'igene ce sta,
er macellaro venne la carne ar colorante
er pollo arigonfio mensirmente,
er pizzicarolo l'insaccato fatto de suino
er premio lo danno a chi ne trova un pezzettino,
er vino lo trovi nelle cantine
fatto co' l'acqua e le cartine.

Ma er fumo fa male.

Pure li giardini so' messi male,
li regazzini nun ce ponno più anna'
perché li cani ce vanno a caca'
e dopo 'st'aria pulita e 'sta genuinità
giustamente chi fuma avvelena l'umanità
dartronne la corpa a quarcuno,
s'ada da'.

Fabrizio Romano - S.M.S. Carlo Alberto dalla Chiesa - III D



[ torna all'inizio della pagina ]


rmmm50900q@istruzione.it • codice fiscale 97713920581 • codice meccanografico RMIC8GX001

[ torna all'inizio della pagina ]