LA MACCHIA MEDITERRANEA

quercia.jpg (18612 byte)La vegetazione originaria delle coste mediterranee, quasi ovunque distrutta dagli uomini, era costituita da foreste di lecci. Essa è stata sostituita dalla macchia mediterranea, formata da specie che si sono adattate a resistere a lunghi periodi di siccità: arbusti di piante aromatichefico_india.jpg (16684 byte) (mirto, rosmarino, alloro, lentisco, salvia ed erica), alberi sempreverdi come il pino marittimo, il pino d'aleppo, il corbezzolo, la quercia da sughero (vedi foto in alto a sinistra). A queste specie si sono aggiunte nel tempo piante importate da paesi arabi e tropicali come l'Agave, la palma, gli agrumi, il fico d'india (vedi foto a destra) e l'Eucalipto.

 

La flora marina è costituita da diverse specie di alghe tra cui la Poseidonia, che forma delle vere e proprie praterie subacquee nei bassi fondali sabbiosi vicino alla costa. Altre varietà di vegetali provengono da mari lontani e sono arrivate nel Mediterrano attraverso lo stretto di Gibilterra o il canale di Suez: qui hanno trovato le condizioni favorevoli per riprodursi rapidamente.

orata.jpg (6882 byte)Nel Mediterraneo si trovano una grande varietà, ma non eccessiva quantità di specie animali che vivono lungo le coste o in mare aperto. I fondali rocciosi del Tirreno accolgono molluschi, crostacei e pesci come l'orata (vedi foto a lato), il sarago e la triglia, che costituiscono il così detto pesce bianco. Il pesce azzurro, formato da acciughe, sardine, sgombri si trova invece al largo dei nostri mari.