La Spagna saracenacordova.jpg (72330 byte)

Nella foto sopra: La moschea di Cordova

Alhambra, Granada (Dall'arabo al-Hamra, "la rossa"), il più famoso monumento della Spagna islamica, eretto a Granada, città che fu phono.jpg (34913 byte)un sultanato a partire dal 1231 e la cui caduta, nel 1492, segnò il definitivo tramonto del dominio musulmano nella penisola iberica. L'Alhambra, il cui nome è dovuto al colore di alcuni mattoni utilizzati, non è un singolo edificio ma una struttura complessa formata da caserme, uffici amministrativi e palazzi, che furono edificati dagli ultimi sovrani musulmani, tra il XIII e il XIV secolo.

All'esterno la fortezza è cinta da mura e torri e circondata da un verde parco; all'intrerno, numerosi portici si susseguono, delimitando meravigliosi giardini ombreggiati e rinfrescati da complessi sistemi idraulici e da fontane (famoso il Cortile dei leoni, realizzato tra il 1354 e il 1377 e caratterizzato da sottili colonne marmoree con ricche decorazioni e da una fontana sostenuta da leoni di marmo), che mostrano chiaramente l'alto livello ingegneristico raggiunto dalla civiltà musulmana.

La decorazione è per la maggior parte in stucco, lavorato a intaglio, secondo motivi ad arabesco sia floreale che geometrico, così finemente da sembrare un merletto. Non mancano ornamenti a epigrafe, che riproducono sulle pareti brani del Corano e lodi in onore del principe del palazzo (come sulla porta della Sala della barca) e mosaici geometrici in maiolica colorata di verde, azzurro, giallo e bruno.